Omicidio Angelina Enrichetta Panzeri: tre persone condannate all’ergastolo

Era la notte del 2 maggio 2007 quando tre persone, due albanesi ed un italiano, si introdussero nell’abitazione della pensionata Angelina Enrichetta Panzeri a Rogeno, Lecco, e la strangolarono con un filo elettrico. Stando a quanto è emerso nel corso del processo, i tre si erano introdotti in casa sperando di trovare del denaro. Non


Era la notte del 2 maggio 2007 quando tre persone, due albanesi ed un italiano, si introdussero nell’abitazione della pensionata Angelina Enrichetta Panzeri a Rogeno, Lecco, e la strangolarono con un filo elettrico.

Stando a quanto è emerso nel corso del processo, i tre si erano introdotti in casa sperando di trovare del denaro. Non trovandolo “La svegliarono, la picchiarono, infine la strangolarono con un cavo troppo “morbido” per poter cagionare una morte veloce, inferiore ai tre, quattro minuti che la povera donna impiegò per smettere di respirare“.

Il processo per i tre responsabili, Gentjan Belegu, condannato già ad un ergastolo per l’omicidio di un tassista di Chieti, il suo connazionale Ilir Hyka e l’italiano Pierangelo Villa, si è concluso da qualche ora e la sentenza è stata esemplare: ergastolo ed un anno e mezzo di isolamento diurno per tutti e tre.

Condannata anche Violeta Kokoshi, sorella di Hyka, ritenuta basista del colpo: dovrà scontare sei anni di carcere. Nel frattempo i legali dei tre condannati all’ergastolo hanno fatto sapere che, vista la condanna troppo pesante, presenterano ricorso in Appello.

Via | Ciao Como