Il ricatto di Salvini: “Forza Italia fuori dal Ppe per allearsi con la Lega Nord”

Condizione necessaria per ricostruire il centrodestra. E comunque sempre senza Alfano.

Sia detto subito che “ricatto” sta tra molte virgolette, però è sempre più evidente come il coltello dalla parte del manico, in vista dell’election day del maggio 2015 e non solo, ce l’abbia Matteo Salvini, in grado di decidere se correre da solo (si parla in questo caso delle elezioni regionali in Veneto) e di porre tutte le condizioni che vuole per accettare il corteggiamento di Silvio Berlusconi, che continua a inseguire un centrodestra costruito su Ncd, Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia.

Il problema è che Salvini può fare a meno di Berlusconi, mentre il Cavaliere – in primis in Campania – non può assolutamente fare a meno di Alfano; in mezzo, il leader del Carroccio che non ne vuole sapere del Nuovo Centrodestra, per il suo essere parte di quel governo Renzi che è il nemico numero uno della Lega Nord. Un rebus di difficile soluzione per Forza Italia, che ha bisogno di costruire le alleanze più ampie possibili per non restare tagliata fuori dai giochi. La condizione posta (o una delle condizioni poste) da Salvini è però estremamente difficile da ingoiare per Berlusconi: uscire dal Partito Popolare Europeo.

Ne ha parlato il segretario leghista in un’intervista a Repubblica: “Il nocciolo di tutto sono le politiche del Ppe, lui sta nel Ppe e quelle politiche le sostiene. Come faccio a riprendere il filo dell’alleanza con Berlusconi?”. E così, Salvini spera di riuscire dove pure Angela Merkel aveva fallito: sbattere il Cavaliere fuori dal Partito Popolare Europeo. Una convivenza che in effetti non è gradita né a Forza Italia – che deve per forza tenere a bada il suo populismo anti-Europa – né al Ppe, che ha sempre visto nel partito del Cavaliere un partner più scomodo che altro, soprattutto oggi che non porta più nemmeno tanti seggi.

Questo per dire che, insomma, è davvero difficile immaginare che Forza Italia esca di sua volontà dal Partito Popolare Europeo; d’altra parte – viste le reciproche antipatie – se questa può essere la strada attraverso la quale passare per riuscire a ricostruire quell’alleanza con la Lega Nord che a Berlusconi serve come il pane, non è detto che Forza Italia non decida per l’ennesimo salto mortale per ritrovarsi alleata di Salvini in uno spazio politico molto più a destra di quello occupato oggi.

Silvio-Berlusconi-e-Matteo-Salvini

I Video di Blogo

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →