Mafia: sequestrate dalla Dia di Roma opere d’ arte al boss italo-canadese Beniamino Zappia

Sono 345 le tele sequestrate dalla DIA di Roma al boss italo-canadese Beniamino Zappia. E che tele: Guttuso, De Chirico, Dalì, Sironi, Morandi, Campigli, De Pisis. Zappia, 71 anni, è in carcere dal 2007 perchè considerato il referente italiano delle famiglie mafiose impegnate ad inserirsi negli appalti del ponte sullo stretto di Messina. Il boss


Sono 345 le tele sequestrate dalla DIA di Roma al boss italo-canadese Beniamino Zappia. E che tele: Guttuso, De Chirico, Dalì, Sironi, Morandi, Campigli, De Pisis. Zappia, 71 anni, è in carcere dal 2007 perchè considerato il referente italiano delle famiglie mafiose impegnate ad inserirsi negli appalti del ponte sullo stretto di Messina.

Il boss era in combutta con la famiglia Bonanno di New York e con quelle Cuntrera, Caruana e Triassi. Nel corso dell’ operazione sono stati sequestrati anche appartamenti, una gioielleria, terreni, conti correnti e auto. Tutti beni ritenuti nella disponibilità di Zappia.

LA DIA di Roma aveva ottenuto il rinvio a giudizio del boss dopo il suo arresto nell’ operazione Orso Bruno Gold. A Zappia faceva capo anche la società “Made In Italy” con sede nella centralissima piazza Colonna, a Roma.

Foto | Flickr

Ultime notizie su Mafia

Tutto su Mafia →