Servizio Pubblico | Puntata 12 febbraio 2015

Servizio Pubblico: la puntata del 12 febbraio 2015

00.01 Si chiude con le vignette di Vauro. Finisce la puntata.

23.55 Pubblicità, poi le vignette di Vauro.
23.52 Colò alle mamme della Terra dei Fuochi: “Avete il coraggio di venire qui per denunciare uno scandalo mettendo purtroppo in piazza un dolore privato. Voi rappresentate tutti i cittadini del mondo che lottano per i propri diritti “.
23.45 Travaglio: “Perché i reati dei ricchi che procurano più danni all’ambiente si prescrivono ieri mentre quelli dei poveracci si prescrivono mai? Perché si fanno le leggi su misura, assicurando ai ricchi l’impunità. Perché non si è mai messo un limite alle rapine in banca?”
23.43 Tirelli: “Gli inceneritori non è possibile non usarli. Tutte le città del Nord Europa hanno inceneritori”. Le mamme: “La ricetta del male minore ha portato a tutto questo”.
23.37 L’intervista a Gloria Baresi, mamma di Daniele e Cristian, entrambi alle prese con due malattie rare causate da un fattore ambientale. Le gravidanze risalgono al periodo nel quale lei lavorava a Montichiari.

Gloria Baresi

23.32 Gianni Dragoni, anche sulla lista Falciani (che sarà ospite di Santoro giovedì prossimo):

Dietro il traffico illegale di rifiuti c’è una gigantesca evasione fiscale. Prima di tutto, perché smaltire in maniera legale i rifiuti industriali, soprattutto tossici, costa molto. Come spiega Gian Gaetano Bellavia, aziende in regola per lo smaltimento possono girare i rifiuti a degli operatori che, a loro volta, li rigirano a dei soggetti abusivi che li disperdono nell’ambiente. Così abbattono i costi e fanno guadagni altissimi, tutto in nero. Per giustificare costi inesistenti ci sono fatture false emesse da società fittizie, che chiudono o spariscono all’estero ogni due anni, prima che scadano i termini per la dichiarazione dei redditi (…) “In questi giorni ci sono nuove rivelazioni sullalista Falciani,con 106mila sospetti evasori fiscali di tutto il mondoche avevano contia Ginevra alla Hsbc, banca inglese tra le maggiori del mondo. Secondo la magistratura francese, sui conti in Svizzera nel 2007 c’erano 180,6 miliardi di euro.
Nella lista ci sono 7.500 italiani, con depositi per 7,4 miliardi di dollari. La lista Falciani è stata consegnata alle autorità italiane 5 anni fa.Con quali conseguenze?
Su 3.276 controlli, oltre un terzo dei controllati, 1.264, si erano già messi in regola con lo scudo fiscale di Berlusconi e Tremonti, pagando solo il 5% avevano regolarizzato quasi 1,7 miliardi. Quindi della lista gli italiani denunciati per reati fiscali sono stati solo 190, di cui 101 evasori totali. Nessuno però è stato condannato: su tutte le indagini, a Torino c’è una richiesta di rinvio a giudizio, a Roma due.

23.31 Il caso Coimpo: nel Polesine il 22 settembre scorso una nube di acido solforico ha ucciso quattro lavoratori della Coimpo, un’azienda che dai fanghi dei depuratori ricava i fertilizzanti per l’agricoltura
23.29 Nei boschi al confine con la Svizzera sono state trovate 260 tonnellate di rifiuti tossici.
23.26 La prescrizione per i reati ambientali parta da quando vengono commessi, non da quando vengono scoperti.
23.18 Realacci: “Dobbiamo combattere il male, ma anche dare una speranza al Paese”.
23.15 Don Patriciello invita Renzi nella Terra dei Fuochi.
23.14 Licia Colò: “Il 74% degli italiani hanno detto di non essere favorevoli all’acquisto di alimenti campani”.
23.10 Dalla Terra dei Fuochi parla anche Padre Maurizio: “C’è una legge sui reati ambientali ferma al Senato. Chiedo ai nostri politici: perché?”.
23.08 Secondo Realacci “oggi quei roghi non sono figli dei grandi flussi dal Nord; l’illegalità più diffusa oggi sono i rifiuti smaltiti dalle imprese locali che magari lavorano in nero”.
23.06 Realacci: “La prima legge seria per contrastare questo fenomeno è del 2001, prima non c’erano nemmeno gli strumenti”.
23.03 Realacci: “Ci sono forti ritardi nell’applicazione del decreto che ha stanziato 25 milioni di euro per lo screening”. Poi spiega: “La cosa chiave è isolare i terreni contaminati e iniziare le bonifiche”.

realacci

23.01 Nuovo collegamento dalla Terra dei fuochi.
22.59 Con un servizio si torna a Montichiari, in provincia di Brescia: 9 milioni di metri cubi di rifiuti interrati in 12 buche.
22.57 Travaglio chiosa:

14. “Ho stanziato 3,5 mld per la scuola”. Ha assunto 100mila precari ma non si è vista nessuna riforma. 15. ”5 auto blu per ogni ministero, i dirigenti andranno a piedi”. Dovevano ridursi a 93,
sono ancora 1153

22.53 L’editoriale di Travaglio prosegue:

11. Per la prima volta in 20anni abbiamo diminuito le tasse”. Ma le tasse saliranno di nuovo con le clausole di salvaguardia nascoste nel bilancio dello Stato:12,8 mld di imposte in più nel 2016 e 21,2 nel 2018.
12.“Unioni civili, proposta ad hoc del governo sul modello tedesco” (27-7). E poi lo ius soli agli immigrati “dopo un ciclo scolastico”. Invece niente ius soli né unioni civili, né modello tedesco né esquimese. Alfano e Giovanardi non vogliono.
13. “Il fisco dev’essere amico, ma se qualcuno commette reati, repressione durissima” (23-2). Brrr. A Natale dona il condono a evasori e frodatori fino al 3% dell’imponibile dichiarato, poi lo sgamano e blocca tutto fino al 20 febbraio. Ora dice maggio, ma il 3% non si tocca. Come le soglie di impunità del falso in bilancio. E l’autoriciclaggio, fatto apposta per non punire nessuno: se ricicli per ‘godimento personale’ non è reato”.

22.51 Travaglio continua: “”7.“Una proposta organica per strumenti più incisivi contro le mafie: la porterò sui tavoli del semestre europeo” (2-3).Sui tavoli europei non ha portato niente, e neppure su quelli italiani. In compenso ha riformato il voto di scambio politico-mafioso:col risultato che la nuova legge fa assolvere chi era stato condannato con quella vecchia.
8.80 euro: quelli li ha mantenuti, se no col cavolo che stravinceva le Europee col 41,8%. Ma solo ai lavoratori dipendenti. E l’aveva promesso anche a ”partite Iva, incapienti e pensionati” (23-4).“Dal 2015 i pensionati saranno dentro gli 80 euro” (23-5). Invece incapienti,pensionati e partite Iva niente 80 euro. Anzi alle partite Iva ha triplicato l’aliquota. Lo dice la parola stessa: sono partite, mandateci una cartolina.
9.“Nel Jobs Act ci sarà il salario minimo” (12-3). Sorpresa! Niente salario minimo”.

22.49 Travaglio: “Da allora il grande twittatore ha promesso di tutto. Un piano ventennale, e tutto in 100 giorni, che poi sono diventati mille, poi 10 anni. Vediamo:
1.“L’art.18 è un totem ideologico, inutile discuterne” (12-8).“Non è un problema, riguarda 3 mila persone” (1-9). Ma il suo Jobs Act, copiato da Confindustria, abolisce l’art18.
2.”In 5 anni il Pil ha perso 9 punti, la disoccupazione è raddoppiata al 12,6 e quella giovanile al 41,6: non sono numeri da crisi, ma da tracollo” (23-2). Per l’anno passato Renzi prevedeva un +0,8 di Pil: siamo a -0,4. E la disoccupazione è salita al 12,9 (giovanile 42). Se prima erano numeri da tracollo, quelli di Renzi da cosa sono? Da catastrofe?
3.“Lavoriamo per una ripresa col botto a settembre” (1-8).“La ripresa è un po’ come l’estate: magari non è bella come volevamo, arriva un po’ in ritardo, ma arriva” (5-8). Brum brum, futurista, marinettiano. Invece è arrivata la stagnazione e la recessione”.

22.43 Marco Travaglio:

Il 22 febbraio è il 1° compleanno del governo Renzi. Ma ci siamo scordati l’altro storico anniversario: quello dell’hashtag ‪#‎enricostaisereno‬ lanciato nel salotto della Bignardi. Sul Web qualcuno commentò: “Anche Zamparini un giorno prima di licenziare un allenatore gli dice: stai sereno”. “Parecchi secoli fa, prima di uscire di casa, Bruto disse a Cesare: ‘Papà stai sereno”. L’indomani Renzi ricevette Berlusconi al Nazareno per stringere il famoso patto scritto con l’inchiostro simpatico, poi salì al Quirinale da Napolitano con l’avviso di sfratto per Letta. Lo fece sfiduciare dal partito e portò a Napolitano la lista dei ministri”.

travav

22.37 Di Maio chiede che le comunità locali stiano col fiato sul collo del governo.
22.35 Anna: “La gente per un po’ di soldi hanno impedito ai bambini di camminare su quella terra”.
22.30 In studio anche Marzia, altra mamma della Terra dei Fuochi. Il figlio a 8 anni e mezzo si è ammalato.
22.29 Tirelli: “Risolvere il problema Terra dei fuochi è prioritario per la sanità e la salute del Paese”.
22.28 Di Maio: “Se Renzi e Alfano venissero a respirare quell’aria forsesi passerebbero la mano sulla coscienza prima di tagliare i fondi”.
22.26 Per Di Maio il problema è individuare priorità, mentre il governo Renzi si muove secondo le ribalte mediatiche. Inoltre propone di inserire tasse “sulle grandi multinazionali del gas e del petrolio per racimolare 2 miliardi”.
22.23 Per Di Maio la soluzione è nella fitodepurazione, che permette in maniera naturale di depurare le acque. Quindi ribadisce: “In Campania lo Stato ha fatto più danni rispetto alla camorra”.
22.19 Colò mostra un volantino pubblicitario di un pomodoro coltivato al Nord.

solo da qui

22.18 Colò: “Eco reati? Sono omicidi! E subdoli, perché non si ‘vedono'”
22.16 Colò: “L’Italia si unisce solo quando ci sono le partite di calcio, è una vergogna”. Poi aggiunge: “Abbiamo paura degli animali e delle malattie, ma noi esseri umani avveleniamo le falde acquifere”.

liciacolo

22.15 Intorno a Montichiari, tutti gli scavi da prelievo di ghiaia sono stati colmati con rifiuti più o meno pericolosi. In studio una delle ‘mamme volanti’: “Ci fa rabbia che si debbano spendere i soldi per la mappatura. Se è tutto regolare si dovrebbe poter vedere dove sono le criticità”.
22.13 Le mamme volanti sono un gruppo di mamme bresciane i cui figli si sono ammalati di tumore, leucemia o altre malattie rare.
22.12 Da Brescia: “Stiamo respirando veleno quotidianamente”.
22.08 Un servizio mostra una situazione analoga a quella della Terra dei fuochi a Brescia: terreni inquinati da diossina.

bresciai

22.07 Ancora Renzoni: “Colfalonieri ha quasi implorato Silvio: ‘Tieni le tue aziende alla larga da questo casino’. Confalonieri teme che Renzi possa muoversi con decisione per mettere fine al dupolio Mediaset-Rai. Le aziende rischiano grosso”. Ma Berlusconi, da quell’orecchio, pare non sentirci. E si è perso pure la salva-Silvio”.
22.04 Renzoni: “Berlusconi ha detto ai direttori delle sue reti e dei suoi giornali: ‘Picchiate duro su Renzi, deve apparire inaffidabile’. Aspettiamo che la Cassazione si pronunci su Ruby, e dopo ritiriamo fuori il ‘metodo Boffo’. Se Signorini ha messo in cascina il fieno per i tempi difficili, forse è il momento di tirarlo fuori”.

besrlsrl

22.02 De Angelis introduce Renzoni e spiega che Berlusconi è ancora furioso col Premier e sta pensando ad una lista unica con Salvini ‘Lega per la libertà”.
21.56 Di Maio: “Ci sono già molti studi scientifici sulla Terra dei fuochi, mancano quelli della Regione Campania e dello Stato”. Pubblicità.
21.55 Di Maio: “La camorra si è fatta ricca quando è entrata negli appalti pubblici grazie alla politica, prima era ladra di polli”.
21.49 Tirelli: “La Terra dei fuochi non ha un uguale in tutta Europa. Il tasso di mortalità nella Terra dei fuochi è alta anche perché la diagnosi precoce è scarsa”.

ncic
rmrmr

21.45 Collegamento in diretta dalla Terra dei Fuochi. Don Patriciello, parroco di Caivano: “I roghi diminuiti? Una barzeletta. I soldati? Erano 1000, sono diventati 100 e ora dicono che diventeranno 200”.

srjrjrsj

21.42 La risposta di Alfano: “Abbiamo raddoppiato i militari in quelle zone”.
21.40 Di Maio: “Renzi ha ammazzato il futuro della Campania. Dobbiamo diffidare da queste persone. A calci dalla Campania”.
21.38 Di Maio durissimo: “Queste persone (con riferimento al governo Renzi) sono degli ipocriti, vengono solo quando si accendono i riflettori. Se verranno in Campania se ne andranno a calci”.
21.37 Di Maio: “Nelle leggi c’è scritto di tutto, ma servono le persone al governo che le facciano rispettare”.
21.35 Di Maio: Non ho intenzione di farmi prendere in giro dal governo, io abito nel triangolo della morte. Quando vengo a sapere che Renzi e Alfano avevano tagliato milioni di euro per la sorveglianza militare dirottandoli all’Expo, che i soldi stanziati dal decreto devono ancora arrivare al Corpo Forestale, che il governatore Caldoro utilizza 24 milioni di euro per la pubblicità, mi arrabbio. Su queste cose non si scherza”.

diamdmd

21.33 Giulia Innocenzi in studio.
21.32 Anna: “Il generale Costa, la Chiesa, l’esercito ci sono stati vicini, ma è troppo poco. L’area è vastissima. Bisognerebbe raddoppiare turni e presenze. Servono altre azioni concrete”.
21.32 Le scarpine del bimbo di Anna e diventate il simbolo delle vite spezzate nella Terra dei fuochi: “Lo Stato ci ha abbandonato”.
21.28 In studio Anna, mamma di un bambino morto di leucemia, diagnosticata a 6 mesi. Patologia individuata non senza difficoltà: “Non accettavamo che avesse questa malattia. Ha avuto un percorso ospedaliero non semplice, la prima parola l’ha detta in ospedale”.

Anna la7

21.26 Tra i rifiuti delle discariche a cielo aperto ci sono topi ovunque.

rsir

21.22 La copertina mostra la situazione nella Terra dei Fuochi. Dove i terreni continuano a bruciare e a emettere diossina.

rsrrsrs

21.13 A supporto di Santoro ecco Dado.

dado

21.11 Inizia la puntata, con l’editoriale di Michele Santoro che entra in studio sulle note di Elio e le storie tese:

Ma, come è possibile che più di 300 persone muoiano in mare assiderate? Perché? Chiedersi perché appartiene a una lingua ormai dimenticata. Il verbo essere in Italia, oggi, si declina così: io caco, tu, egli caco, noi cachi, voi cachi e Renzi?

Servizio Pubblico stasera torna con una nuova puntata, seguita in liveblogging e diretta video da Blogo dalle ore 21.10. Alla conduzione Michele Santoro.

Servizio Pubblico | Anticipazioni puntata 12 febbraio 2015

Servizio Pubblico: nella puntata di stasera, intitolata La terra dei cachi roventi, si tornerà a parlare di Terra dei Fuochi. Il 7 novembre del 2013, ospite proprio del talk show di Michele Santoro, l’allora sindaco di Firenze Matteo Renzi aveva detto che se eletto segreterio del Pd il suo primo atto sarebbe stato una visita nella Terra dei Fuochi per dire:

Noi non stiamo nei nostri circoli ma affrontiamo i problemi reali.

In effetti la visita di Renzi – diventato nel frattempo segretario del Pd e anche presidente del Consiglio – c’è stata ma gli impegni elettorali presi, “lo Stato ci porti l’esercito, l’associazionismo e riporti la parola legalità”, ancora non sono realtà e le mamme della Terra dei Fuochi chiedono al premier di non essere abbandonate. Al giro di boa del primo anno di governo Renzi, “l’Italia è il Paese di chi ci prova”, come ha detto ieri il presidente del Consiglio, oppure resta il Belpaese delle molte promesse e dei pochi fatti?

Ospiti di Santoro Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera e deputato del Movimento 5 Stelle, Ermete Realacci, parlamentare del Pd e presidente della Commissione Ambiente della Camera, la conduttrice televisiva Licia Colò e l’oncologo Umberto Tirelli.

Nel corso della puntata gli interventi di Gianni Dragoni del Sole 24 Ore e di Marco Travaglio, direttore del Fatto Quotidiano. In chiusura le immancabili vignette satiriche di Vauro.

rsrs

Servizio Pubblico | Come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate di Servizio Pubblico, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7, ma anche su Blogo, dove potete leggere pure il liveblogging.

Servizio Pubblico | Secondo screen

Servizio Pubblico ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter.

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia