Omicidio sorelle Larbi-Cherif: ergastolo all’assassino Mohammed Alì, dovrà scontare almeno 34 anni di carcere

Si è concluso questa mattina a Birmingham il processo contro il 29enne Mohammed Ali, responsabile del duplice omicidio delle sorelle Yasmine e Sabrina Larbi-Cherif, di 22 e 19 anni, uccise a coltellate nelle loro abitazione nel settembre dello scorso anno. La difesa sosteneva, come vi avevamo già rivelato in passato, che il giovane fosse stato


Si è concluso questa mattina a Birmingham il processo contro il 29enne Mohammed Ali, responsabile del duplice omicidio delle sorelle Yasmine e Sabrina Larbi-Cherif, di 22 e 19 anni, uccise a coltellate nelle loro abitazione nel settembre dello scorso anno.

La difesa sosteneva, come vi avevamo già rivelato in passato, che il giovane fosse stato provocato da una delle due sorelle, sua fidanzata da un paio di anni, ma la motivazione non ha retto in tribunale. I due si erano conosciuti nel 2006 e la giovane Yasmine era rimasta incinta per ben due volte, entrambe concluse con aborti.

Poi ci fu un’accusa di stupro mossa da Yasmine nei confronti di Ali, l’arresto di quest’ultimo e il suo rilascio qualche settimana prima dell’omicidio. Si rividero, tornarono insieme, ma le liti erano sempre più frequenti, fino all’esplosione del 14 settembre dello scorso anno, quando Ali, uccise Yasmine con due coltellate, poi si accanì sulla sorella minore, Sabrina, uccidendola con 35 coltellate.

Oggi, a quasi un anno di distanza, Mohammed Ali è stato condannato al carcere a vita: dovrà attendere ben 34 anni prima di poter presentare la richiesta per la libertà vigilata.

le foto pubblicate sul loro profilo Facebook
le foto pubblicate sul loro profilo Facebook
le foto pubblicate sul loro profilo Facebook
le foto pubblicate sul loro profilo Facebook

Via | Guardian