Deputati del M5S occupano i banchi del governo, espulsi (Video)

Sette pentastellati sono stati espulsi, incluso il capogruppo Alessio Villarosa. Il M5S chiede l’abrogazione dell’Ira e l’aumento delle pensioni minime.

Alcuni deputati del Movimento 5 Stelle oggi hanno creato un po’ di caos alla Camera occupando i banchi del governo per protesta contro la legge di Stabilità.

Mentre si procedeva alle votazioni degli emendamenti, sette deputati del M5S si sono messi ai posti dei ministri tra gli applausi dei loro colleghi.
Il presidente di turno della Camera, Roberto Giachetti, dopo una sospensione della seduta, ha proceduto all’espulsione di sette pentastellati: Davide Tripiedi, Ferdinando Alberti, Massimo Baroni, Luca Frusone, Gianluca Rizzo, Tatiana Basilio e il capogruppo Alessio Villarosa che ha commentato:

“I presidenti delle Camere dovrebbero rendere onorevole il loro ruolo. Vengono dati milioni alla difesa e vengono tolti i soldi per gli sgravi. A questo punto siamo pronti a tutto”

Lo stesso Villarosa, infatti, su Facebook ha spiegato a che cosa ha strenuamente lavorato in questi giorni e perché alla fine con i suoi colleghi ha deciso di protestare in maniera plateale. Il capogruppo del M5S ha evidenziato che in Commissione Bilancio si è lavorato su un “testo fantasma con relazione tecnica fantasma” e in effetti cercando sul sito ufficiale della Camera dei Deputati il 20 dicembre non c’era nulla nella sezione dedicata ai lavori preparatori dei progetti di legge:

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

In Commissione tutti gli emendamenti del M5S sono stati bocciati e Villarosa dice che sono anche stati sgridati per “troppa trasparenza” per il materiale che hanno pubblicato online.
Oggi, dopo che non è stata approvata la proposta di aumentare le pensioni minime, eliminare l’Ira per le microimprese e ridurre l’Iva al 21%, Villarosa si è evidentemente alterato:

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

Da qui la decisione di protestare occupando i banchi del governo con conseguente espulsione sulla quale villosa dice:

“Espulso perché volevo difendere gli imprenditori vessati dalle tasse nel paese che rappresento da persona onesta”

Sulla stessa lunghezza d’onda Davide Tripiedi che dice:

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

Il MoVimento 5 Stelle oggi ha anche perso tre parlamentari che hanno presentato le loro dimissioni (Cristian Iannuzzi, Ivana Simeoni, Giuseppe Vacciano).

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia