Celtic League – In Scozia gli equiparati Visser senza polemiche

Tim Visser, una delle più forti ali europee, ha rinnovato il suo contratto con l’Edimburgo per altri due anni. Una notizia che potrebbe apparire secondaria, se Tim non fosse di nazionalità olandese e se, questo rinnovo, non significasse tre anni di rugby in Scozia. E quindi? Quindi l’ala di Zeewolde, il cui padre ha indossato

Tim Visser, una delle più forti ali europee, ha rinnovato il suo contratto con l’Edimburgo per altri due anni. Una notizia che potrebbe apparire secondaria, se Tim non fosse di nazionalità olandese e se, questo rinnovo, non significasse tre anni di rugby in Scozia. E quindi? Quindi l’ala di Zeewolde, il cui padre ha indossato 67 volte la maglia olandese, tra poco più di un anno sarà equiparabile. E Andy Robinson gongola.

Arrivato nel giugno 2009 dai Newcastle Falcons, Visser ha rinnovato il proprio contratto fino al maggio 2013. 23 anni, dieci mete nella prima stagione di Celtic League e anche quest’anno un ottimo score, l’ala olandese è un globetrotter dell’equiparazione. Olandese, può ambire alla maglia della sua nazione che, però, non è certo il top per un campione come lui. Inglese d’adozione, dopo tre anni a Newcastle avrebbe potuto vestire (e gli sarebbe piaciuto) la maglia bianca. Ma poi si è trasferito a Edimburgo. Perdendo questa opzione, ma scoprendo l’amore per gli Highlanders. E ora, dopo un anno e mezzo in Scozia è a metà dell’opera. Dall’estate prossima, infatti, Tim Visser sarà equiparabile secondo i regolamenti Irb per la Scozia.
Un’opzione importante per Andy Robinson e un asso confermato per Rob Moffat. Certo, fosse un giocatore di Treviso o degli Aironi, vi immaginate le polemiche?

I Video di Blogo