Usa 2016: Jeb Bush scende in campo per la Casa Bianca

Jeb Bush, fratello di George W. e di orientamento centrista, avrebbe deciso di correre per le presidenziali Usa. Intanto Hillary Clinton, alla luce degli ultimi sondaggi, temporeggia la formalizzazione della sua candidatura

Aggiornamento 16 Dicembre 2014 . Jeb Bush non ha ancora sciolto formalmente la riserva, ma ormai sembra certa una sua candidatura alle primarie repubblicane per la Casa Bianca nel 2016. Sul suo profilo Twitter, ha detto espressamente che sta attivamente esplorando la possibilità di correre per le presidenziali.
Dopo aver nominato uno staff ed essersi messo a dieta, il fratello di George W. ha dato il via alla sua campagna, realizzando un e-book che spiega la sua visione di governo del paese. Inoltre, ha pubblicato 250.000 e-mail di quando era governatore della Florida. Tale decisione ha la finalità di mostrare all’elettorato le sue abilità nel gestire il potere e anche la sua competenza con gli strumenti digitali.

Usa 2016: Jeb Bush ci sta pensando. Hillary Clinton invece prende tempo

Jeb Bush, figlio del quarantunesimo presidente degli Stati Uniti George Herbert Walker e fratello minore del quarantatreesimo George W., pare pronto a candidarsi per le presidenziali Usa 2016. Hillary Clinton, invece, continua a procrastinare la data dell’annuncio della sua attesa discesa in campo.

Secondo le ultime indiscrezioni giornalistiche, il rampollo della famiglia Bush si è messo a dieta (sette chili in meno grazie al nuoto) e ha assunto uno staff in vista della battaglia delle primarie. Dunque, Jeb avrebbe superato le resistenze della sua famiglia ad una sua eventuale candidatura. Ciò è certificato anche dal fatto che suo fratello George, nello scorso novembre, ha dichiarato alla Cbs di non avere problemi ad appoggiarlo. Dovrà farsene, invece, una ragione sua madre Barbara che ad inizio anno aveva scoraggiato il figlio dal buttarsi in una simile impresa.

Secondo il New York Times, Jeb ha davanti a sé non pochi problemi, qualora formalizzasse la sua candidatura. La sua politica guarda troppo al centro, fatto che potrebbe fargli non ottenere consensi tra l’elettorato conservatore. Uno dei temi più spinosi che potrebbero frenare la sua corsa alla Casa Bianca è la sua sintonia con Barack Obama sull’immigrazione, perché anche lui è favorevole ad un processo di regolarizzazione di milioni di immigrati.

Inoltre, come sottolineato da Bloomberg News, Jeb dovrà sciogliere altri nodi non semplici, come quello della sua partecipazione a differenti private equity. Un grande conflitto di interessi il suo, che potrebbe prestare il fianco ad una feroce campagna stampa, che finirebbe per screditarlo agli occhi dei cittadini.

Tuttavia, il nome di Jeb potrebbe rivelarsi strategico. A tale proposito, segnaliamo che gli ultimi sondaggi darebbero in testa il repubblicano Mitt Romney su Hillary Clinton. Se quest’ultima non dovesse candidarsi, ci sono buone probabilità che a strappare la nomination democratica sia Elizabeth Warren, che vorrebbe spingere il suo partito su posizioni decisamente di sinistra.

Ciò è emerso anche ieri, in occasione dell’approvazione della legge sul budget da parte del Congresso. Il provvedimento, che allenta i cordoni su Wall Street e che è passato grazie ad un’intesa tra i Repubblicani ed Obama, è stato definito dalla Warren come “la cosa peggiore che il governo può fare per aiutare i ricchi e i potenti“.

Dunque se l’esponente di sinistra dei democratici, che molto impensierisce Hillary alle primarie, dovesse farcela, Jeb sarebbe un candidato con buone chance: costringerebbe la destra a votarlo per scongiurare il rischio Warren e potrebbe puntare a prendersi il voto centrista.

Clinton, intanto, dopo essere stata lungamente in testa nei sondaggi prende tempo. L’ipotesi di essere sconfitta alle primarie e di partire sfavorita nei sondaggi sui Repubblicani la frena. A fine mese chiarirà quali sono le sue reali intenzioni. Se dovesse ripensarci, la notizia sarebbe clamorosa, visto che per lungo tempo è sembrata essere l’unica candidata possibile e certa vincitrice delle presidenziali.

Ultime notizie su Elezioni USA

Tutto su Elezioni USA →