USA 2016, sondaggi: Mitt Romney batte Hillary Clinton?

E intanto l’ex first lady continua a rinviare la candidatura.

Negli Stati Uniti già si parla di “trappola dell’inevitabilità”, intendendo le difficoltà in cui va incontro un candidato troppo forte, che tutti danno già per vincitore. Le ragioni sono diverse, ma sintetizzando si può dire che gli americani (e non solo loro) malsopportano l’aura di inevitabilità che alcuni candidati si portano dietro, preferendo qualcuno che si conquisti la candidatura. Per non parlare del fatto che essere percepiti come “già vincitori” non aiuta a tenere alta l’affluenza alle urne dei sostenitori.

Insomma, un doppio effetto boomerang che secondo gli analisti potrebbe colpire la candidata democratica Hillary Cliton, in vista di USA 2016. Ora, Hillary Clinton non è ancora una candidata ufficiale, ma il suo nome circola da tanto di quel tempo che è trattata dai media come se lo fosse, con tanto di sondaggi su USA 2016 che la danno come vincente sicura. O meglio, era così fino a poco tempo fa, perché nelle ultime settimane sono spuntati sondaggi che invece raccontano una storia diversa.

Stando alla rilevazione della Quinnipiac University, infatti, Mitt Romney è l’unico dei papabili candidati repubblicani in grado di superare Hillary Clinton, seppur col margine ridottissimo di un solo punto percentuale (45 a 44%). Ma è credibile questa cosa? Romney, il candidato miliardario che con una disponibilità economica illimitata ha faticato a superare due candidati improbabili come Rick Santorum e Newt Gingrich per poi farsi surclassare da un Barack Obama in pesante debito di fiducia già nel 2012. L’uomo che studiava a memoria i suoi discorsi senza riuscire a imprimere un minimo di calore e riuscendo sempre a dare l’impressione di dire quello che gli era stato detto essere la cosa più conveniente da dire. Probabilmente Romney, in questa fase, beneficia di una conoscenza già molto ampia da parte degli americani, che hanno avuto modo di vederlo all’opera come candidato presidente. Un particolare forse sufficiente a dargli un “quid” in più.

Per il momento, però, nemmeno Romney è candidato e non sembra neanche più di tanto intenzionato a lanciarsi nella corsa. Per quanto riguarda Hillary Clinton, invece, sembra che il tanto atteso annuncio non arriverà nemmeno alla fine del 2014, com’era stato annunciato qualche mese fa. Evidentemente c’è qualche dubbio di troppo che aleggia nella mente della front-runner democratico: dell’aura di inevitabilità abbiamo detto, altri sottolineano il rischio di essere percepita come troppo vicina a Obama (di cui è stata Segretario di Stato), di come la figura di Bill Clinton continui a essere troppo ingombrante; altri – ma chissà cosa c’è di vero – parlano di un suo pericoloso attaccamento alla bottiglia e di sue condizioni di salute non ottimale. L’unica cosa certa è che la ex first lady non può rimandare più di tanto l’annuncio, pena il crescendo continuo di sospetti attorno alla sua figura.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Elezioni USA

Tutto su Elezioni USA →