Announo | Puntata 20 novembre 2014

Announo: la puntata del 20 novembre in diretta

00.06 Finisce la puntata.
00.00 Vauro: “Gli immigrati portano sogni”. Ma il profugo in studio capisce “soldi”.

23.58 Spazio a Vauro e Vincino.

zone a degrado

23.52 Lotito invita a non creare contrapposizione e a non enfatizzare solo alcuni aspetti. Quindi chiosa: “L’accoglienza è possibile solo se ci sono le condizioni”.
23.50 Keita ci fa sapere che ha sempre pagato tutti i biglietti dell’autobus.
23.49 Alessandra ai profughi: “Andate in Germania, in Francia, andate in un altro Paese”.
23.47 Marina chiede scusa per quanto avvenuto a Tor Sapienza ma fa notare che alcuni minorenni nel centro profughi non si comportano bene.
23.44 In studio alcuni profughi del centro Sorriso. Uno di loro saluta con una stretta di mano la ragazza che vive a Tor Sapienza.

salutto

23.43 Vince #stoconMirko.

23.40 Lotito: “Abbiamo perso il valore della persona e invece lo dobbiamo apprezzare”.

rururur

23.39 Lotito su Tavecchio: “Ha costruito ospedali in Africa e ha adottato due cosi”. Poi si corregge: “Tre bambini”. E accusa i presenti (Vauro in primis) di avere problemi di udito.
23.37 Lotito: “Tavecchio ha fatto fare una brutta figura all’Italia? Questo lo dice lei. Viene rappresentata una cosa diversa dalla realtà”.
23.35 Abe: “Gli italiani devono alzare il cul0 e cercare lavoro, non dare sempre colpa agli zingari”
23.34 Stima: “Non è colpa degli immigrati. La colpa èd egli stronxi che si siedono sempre su quella sedia”. Lotito: “Non ho capito… Io sono uno stronxo che dà posti di lavoro”.
23.32 Stima protesta: “Il video è montato una merd@”. Poi però ammette: “Ogni giorno lì è una guerra”.
23.28 In un servizio la quotidianità di Stima, che vive in periferia a Milano: “Facciamo le ronde la sera perché ci siamo rotti i cogli0ni”.
23.23 In studio Claudio Lotito: “Vedo rassegnazione, si vive alla giornata, non c’è programmazione”.

claudio lotito la7

23.22 Un ragazzo ubriaco ha spaccato gli specchietti delle auto parcheggiate. Intanto gli inviati cercano e trovano droga senza problemi.
23.16 Un servizio si occupa del traffico di droghe a Torpignattara, a Roma.

drogati

23.10 Marino: “Alcune cose stanno cambiando a Tor Sapienza, abbiamo portato più sicurezza”.
23.08 Marino: “Non ho potuto, fino a ieri, allacciare le fognature a Prima Porta”.

marino talk

23.07 Michael: “Non siamo in un Paese razzista, siamo in un Paese ignorante”.
23.05 Marino: “Ci sono le risorse per gli italiani? Dobbiamo distribuire le risorse che abbiamo e darci una mano l’uno con l’altro”.
23.01 Marino: “Io mi sono reso conto che era una bugia dire che in città ci fossero 250 rifugiati. Era evidente che ve fossero di più. Dissi al ministero che avevamo bisogno di aiuti per almeno 2500 persone, non per 250”.
22.59 Alessandra spiega che a Torre Angela un’attività commerciale chiude ogni 24 ore. Poi attacca: “Chiudiamo la discarica a Malagrotta, ma apriamo la discarica umana a via di Salone o via Salviati!”.
22.55 In onda un reportage sul degrado a Tor Sapienza, dove molti hanno occupato abusivamente locali fatiscenti.
22.54 Silvia: “Sono d’accordo sull’accoglienza degli immigrati, ma solo se ci sono i soldi per farlo”.
22.50 Silvia regala a Marino una piccola Panda rossa giocattolo.

panda rossa

22.48 Intanto Alemanno su Twitter.

22.47 Marino ripete: “I disastri delle periferie non nasce negli ultimi anni”.
22.45 Marino a Micaela: “Tutto vero, ma quando mi sono insediato ho trovato zero euro per far funzionare i mezzi pubblici. Mi sono rimboccato le maniche, ho parlato con il governo nazionale. Abbiamo dovuto fare dei tagli, che io non vorrei fare. Nel 2015-16 vorrei un Atac che funzioni”. Poi rivendica di aver migliorato la gestione Atac.
22.40 Micaela contro Marino: “È un anno che tento di parlare con lei, io sono una lavoratrice di Atac. Lei è completamente scollato dalla realtà. I mezzi pubblici portano 130 persone stipate. Prendiamo sassi, bastonate. Gli autobus non ci sono. Lei ha tagliato linee nelle periferie. Ieri c’erano 150 famiglie sotto la sede Atac e lei non c’era. Nessun politico c’era”.
22.34 Il video satirico dei The Jackal.
22.27 Le vignette di Vauro.

affonda sondaggi

22.25 Marino: “Questo problema ce l’hanno anche Barcellona, Valencia, Vienna. Queste persone, che hanno voglia di lavorare, vanno messe in edifici da riqualificare”.
22.23 Su Risorse per Roma, Marino: “Abbiamo cambiato quella società, gli abbiamo dato un obiettivo preciso”.
22.22 I soldi per i rom sono gestiti da Risorse per Roma, una municipalizzata che Marino aveva detto di voler chiudere. In campagna elettorale. E invece i dipendenti sono aumentati.

milioni per orm

22.19 Marino si giustifica: “I comitati di quel quartiere mi hanno consigliato di non andare subito”.
22.19 Mirko rimprovera al sindaco di essere andato in ritardo a Tor Sapienza.

mirkor

22.18 Marino: “Sono per il superamento e la chiusura dei campi rom. O lavorano e si mantengono da soli o se ne vanno”.
22.17 Marino precisa: “I ladri esistono in ogni etnia, non mi piacciono le generalizzazioni”. Poi aggiunge: “Non è accettabile spendere milioni di euro per tenere persone in quelle condizioni nei campi”.
22.15 Federica: “Oggi è in atto una guerra tra poveri, cavalcata dai partiti di estrema destra per avere consensi. La lotta è tra i nuovi e i vecchi poveri contro chi ci ha portato in questa situazione”.
22.14 In un servizio la situazione in via Cervara, a est di Roma: qui si trova uno dei tanti mercati abusivi della città.
22.09 Tabita vive nel quartiere Fleming: “Ormai è una discarica a cielo aperto e pericoloso”.
22.08 Marino ai residenti nelle periferie: “Hanno ragione ad essere esasperati. Ma io prometto che ci sarò”.
22.06 Marino ricorda di aver sempre contrastato l’acquisto degli F-35. Poi spiega di aver trovato un miliardo e mezzo di debiti un anno e mezzo fa. E rivendica di aver chiuso la discarica più grande d’Europa.
22.04 Aboubakar: “I problemi sono il degrado e l’abbandono delle periferie. Questi ragazzi non sono in vacanza, sono rifugiati”.

abo

21.58 In onda un servizio sul degrado a Ponte di Nona, periferia est di Roma. Qui c’è uno dei campi rom più grandi di Europa. Dove vive anche una donna italiana: “Il Comune ci ha messo qui perché non c’era posto. Da cinque anni convivo con i rom, è una merda”.
21.51 Pubblicità.
21.48 Noemi: “Non erano bombe carta, erano petardi”.
21.46 Noemi: “Ci hanno tirato i coltelli da sopra, perché non si dice?”. Marina: “Ci ha portato alla violenza
21.44 Abe: “L’esasperazione deve avere un limite. Se lo Stato non ascolta, bisogna picchiare le persone?”.
21.41 Marino ricorda che è stato Alemanno ad aver aperto a Tor Sapienza il centro di accoglienza. Poi aggiunge:

La sensazione che ho avuto è che non sono persone come Marina o Noemi a fare l’aggressione al centro. Sono state altre persone, gruppi organizzati, incapucciati. Non penso siano i cittadini.

ignazio marino la7 e

21.39 Marino: “Sapevo che non avrei preso applausi a Tor Sapienza. Stiamo lavorando da un anno per cercare di capire come migliorare dal punto di vista urbano quel quartiere, realizzato per creare disagio”.
21.36 Anche Noemi vive a Tor Sapienza: “I profughi del centro non possono essere paragonati a altri ragazzi di colore come quelli che stanno in questo studio”. In onda un servizio sulla contestazione dei residenti nei confronti di Marino.
21.34 Parla Marina: “La paura più grande per chi vive a Tor Sapienza è quella delle aggressioni. Noi non siamo razzisti. Anche io ne ho subita una”.
21.31 Nessuno vuole rispondere alle domande di Luca Bertazzoni, che però raccoglie tante perle di razzismo.
21.25 Il 15 novembre 60 comitati di quartiere hanno sfilato per le vie di Roma contro il sindaco Marino. Ci sono anche i sostenitori di Casapound.

sindaco di rom

21.23 La copertina si apre con le immagini della fiaccolata dei residenti di Tor Sapienza per non spegnere i riflettori sulla zona.
21.19 Santoro: “Dare una casa agli zingari non è di sinistra, ma è una mia idea. Camerati dei miei stivali, avete dimenticato che il vostro duce ha risanato città. Perciò non va data ai più bisognosi senza arte nè parte, ma ai lavoratori della mente e del braccio. Io ho costruito le case più brutte negli scantinati di Milano. Le mie case popolari, costruite dal vostro Duce sono una reggia”. E chiosa: “Salvini non è il Duce, voi non siete fascisti e punitevi da soli con un bel bicchierone di olio di ricino”.
21.13 Inizia la puntata, con l’editoriale di Michele Santoro. Che entra in studio sulle note di “Faccetta nera”:

Camice nere della rivoluzione, uomini e donne ascoltate il vostro duce che vi parla. Quelli che occupano le piazze non sono i veri fascisti. I veri fascisti non hanno paura di qualche faccetta nera.

michele santoror

Announo: stasera va in onda la seconda puntata della seconda stagione, seguita in liveblogging e diretta video da Blogo dalle ore 21.10. Alla conduzione ritroveremo Giulia Innocenzi.

Announo | Anticipazioni puntata 20 novembre 2014

Announo: nella puntata di stasera, intitolata ‘Indovina chi viene qui’, si parlerà di immigrazione e del degrado nelle periferie delle grandi città italiane. In primo piano il caso Tor Sapienza. In studio a confrontarsi con i 20 giovani ci sarà infatti il sindaco di Roma Ignazio Marino, in questi giorni al centro delle polemiche anche per le vicende legate alle multe per la sua panda rossa.

In apertura di puntata l’editoriale di Michele Santoro (che tornerà con Servizio Pubblico dopo la sosta natalizia). Nel corso della serata spazio al servizio satirico dei The Jackal e alle opinioni della strana coppia formata da Vauro e Vincino.

announo a

Announo | Il cast dei 20 giovani

Parzialmente rinnovato, rispetto alla prima edizione, il cast dei 20 giovani chiamati a interagire con l’ospite:

Usama El Santawy, Chiara Froldi, Simone Coccia, Mìcol Picchioni, Michael Kent, Mirko De Martini , Elisa Serafini, Federica Borlizzi, Antonio Distefano, Tommaso Pandolfo Fanchin, Gianluigi Parrotto, Irene Aiello, Hind Talibi, Isabella Cossalter, Cecilia Sala, Silvia Sardone, Giuseppe “Stima” Baldo, Abe Kayn, Tabita Frollini, Micaela Quintavalle.

Announo | Come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate di Announo, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7, ma anche su Blogo, dove potete leggere pure il liveblogging.

Announo | Secondo screen

Announo ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter.