Usa 2016: Bill de Blasio sfiderà Hillary Clinton?

Si fanno sempre più insistenti le voci di una candidatura alle primarie democratiche per la Presidenza del sindaco di New York, Bill de Blasio. Progressista e amato dalla minoranze, sarà lui l’anti Hillary?

Per ora è solo una voce che circola nei palazzi della politica e che viene alimentata dai retroscenisti della stampa stelle e strisce, tuttavia il diretto interessato non conferma e non smentisce. Bill de Blasio, sindaco di New York, potrebbe sfidare Hillary Clinton alle primarie per le presidenziali Usa 2016.

A rilanciare l’ipotesi è stato il presidente del partito repubblicano della Grande Mela, Ed Cox, sul New York Post. Il genero dell’ex presidente Nixon si è così espresso sul giornale di proprietà di Rupert Murdoch: ” (de Blasio) E’ come Barack Obama. Lui era un giovane senatore, fresco di politica, ha corso e ha vinto. Credo che de Blasio farà lo stesso“.

Intanto de Blasio, quasi a voler sondare il terreno, è intervenuto il 12 novembre scorso, sull’Huffington Usa, su questioni di carattere nazionale. Nel commentare la débacle dei democratici alle elezioni di midterm, è stato molto duro con l’ala più conservatrice del suo partito: “Quest’anno troppi candidati democratici hanno perso di vista i principi fondamentali, scegliendo di tagliare le ali al progressismo in ossequio ad una strategia convenzionale, in base alla quale idee coraggiose non sono politicamente concrete” . In questo modo, il sindaco della città più importante degli Stati Uniti ha voluto rilanciare il suo programma sociale, che lo ha portato sorprendentemente alla conquista del Campidoglio il 6 novembre scorso, con il 73% delle preferenze.

In molti affermano che de Blasio sia troppo di sinistra per puntare alla presidenza, ancor di più di Elizabeth Warren, paladina dei consumatori ed altra probabile sfidante della Clinton. Tuttavia, i sondaggi pubblicati dall’International Business Times dicono chiaramente che il politico democratico ha tutte le carte in tavola per dare filo da torcere alla ex segretario di Stato. Il quotidiano on line, infatti, evidenzia che il politico democratico riscuote grandi consensi tra le minoranze newyorkesi (ha un gradimento del 65% tra i neri e del 55% tra gli ispanici). Tra l’elettorato bianco, però, sarebbe appoggiato solo dal 36%.

Ricordiamo che durante il suo mandato, de Blasio ha già aumentato il salario minimo per i dipendenti di fast food e ha depenalizzato il reato per uso di marijuana. Inoltre, nel magio scorso, ha predisposto fondi per la sanità e l’istruzione pubblica e ha avviato finanziamenti consistenti per l’accesso universale all’asilo nido e programmi per il doposcuola.

A nostro avviso, ci pare prematura una sua candidatura alla Casa Bianca. Lasciare la poltrona di sindaco, senza prima aver portato a casa risultati concreti non gioverebbe alla sua immagine. Infatti solo nel 2018, le sue politiche di risparmio, connesse ad un incremento della spesa e degli investimenti, potranno essere giudicate in maniera puntuale e complessiva.

Ultime notizie su Elezioni USA

Tutto su Elezioni USA →