Italia vs. Australia – Domani il gran giorno di Firenze (e Mallett chiude la porta a Botes)

Non illuda nessuno leggere i nomi di Will Genia e Matt Giteau in panchina. Robbie Deans l’ha ribadito nelle ultime ore: questa non è un’Australia sperimentale e il XV scelto è di gran qualità. Qualità che domani alle ore 15.00 (diretta tv su La7 e Sky Sport 2, live blogging su Rugby 1823 e aggiornamenti

Non illuda nessuno leggere i nomi di Will Genia e Matt Giteau in panchina. Robbie Deans l’ha ribadito nelle ultime ore: questa non è un’Australia sperimentale e il XV scelto è di gran qualità. Qualità che domani alle ore 15.00 (diretta tv su La7 e Sky Sport 2, live blogging su Rugby 1823 e aggiornamenti su Facebook e Twitter) si sconterà contro un’Italia reduce dalla delusione di Verona e data, nettamente, sfavorita. Qui sotto le parole di Nick Mallett e Sergio Parisse. Parole non banali e scontate…

Nick Mallett, CT Italia, sull’esordio di Edoardo Gori dal primo minuto come mediano di mischia:Secondo me è la partita ideale per lanciare Edoardo: è la gara più difficile tra quelle di novembre, una sfida adatta per un giocatore molto maturo, che ha molta fiducia in se stesso. E’ un esordio che non presenta rischi, sarebbe stato un rischio far esordire Gori in una partita che dovevamo vincere anziché in una che possiamo vincere. Domani il giocatore avrà tante possibilità per fare scelte in attacco e in difesa, seguiamo questo ragazzo da due anni e ha già mostrato intelligenza e maturità, oltre che lo spirito del leader. E’ un rugbista che ha fiducia nel proprio gioco. Pensavo di farlo giocare contro le Fiji, magari a gara iniziata, ma dopo la sconfitta di Verona ho deciso di anticipare questa scelta e lui sarà titolare anche contro le Fiji indipendentemente da come giocherà domani. Voglio vederlo sotto pressione prima del Sei Nazioni per capire se può essere il nostro numero nove per i Mondiali“. 

Nick Mallett, CT Italia, sulla mediana azzurra:Abbiamo una buona mischia, dei trequarti forti in difesa, ma abbiamo sempre difficoltà a segnare perché in alcune occasioni sbagliamo la lettura della situazione. Gower è un giocatore molto forte palla in mano e in difesa, ma contro l’Argentina in alcune situazioni offensive in cui avrebbe per esempio potuto calciare al largo per l’ala non ha visto questa possibilità. L’Italia ha bisogno di trovare una mediana che abbia fiducia e che faccia le scelte giuste, un problema che questa squadra ha dall’addio di Troncon e Dominguez. Credo sia dovuto ai troppi stranieri che hanno ricoperto questi ruoli in campionati negli ultimi anni, ma le prospettive sono confortanti perché ci sono tanti numeri nove giovani che si stanno formando nelle accademie e anche giovani numeri dieci come Bocchino che ha le qualità per giocare apertura, anche se sino a oggi ha giocato poco. Credo comunque che trovare una mediana stabile e di qualità sia la principale necessità del rugby italiano“.

Nick Mallett, CT Italia, sul passaggio di Tebaldi all’Italia “A” e la scelta di Gori titolare:Ho parlato con Tebaldi dopo la prestazione con l’Argentina: Tito è un giocatore ordinato e con buone qualità, capace di fare la differenza a livello individuale, e con me ha giocato quattordici partite. A volte, in certe situazioni, non ha fatto le scelte di gioco giuste ma sono aspetti che possiamo migliorare e io non voglio certo bruciare un giocatore come lui. Gori, Tebaldi, Canavosio, Semenzato, sono i quattro mediani da cui sceglieremo il numero nove per i Mondiali 2011“. Niente speranze, quindi, per Tobias Botes che, a quanto pare, non rientra nei progetti del coach sudafricano, mentre ormai appare chiaro che è Edoardo Gori il mediano su cui punta per la manifestazione iridata.

Sergio Parisse, capitano Italia, sulla partita di domani: “L’Australia avrà tanta voglia di riscattasi dopo le sconfitte con Inghilterra e Munster, non dico niente di strano se dico che sarà dura per noi, ma del resto tutti i test match sono difficili per l’Italia. Abbiamo lasciato Argentina alle spalle e preparato questa partita nel migliore dei modi. Il campo di Firenze è in ottime condizioni, penso che abbiamo preparato questa gara in modo intelligente e che se rispettiamo il piano di gioco più di quanto abbiamo fatto la settimana scorsa possiamo giocare la nostra partita”.

ITALIA – AUSTRALIA
Sabato 20 novembre, ore 15.00 – Stadio Artemio Franchi, Firenze
Italia:
15 Luke McLean, 14 Tommaso Benvenuti, 13 Gonzalo Canale, 12 Alberto Sgarbi, 11 Mirco Bergamasco, 10 Luciano Orquera, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse, 7 Alessandro Zanni, 6 Paul Derbyshire, 5 Quintin Geldenhuys, 4 Carlo Antonio Del Fava, 3 Martin Castrogiovanni, 2 Fabio Ongaro, 1 Andrea Lo Cicero.
In panchina: 16 Carlo Festuccia, 17 Lorenzo Cittadini, 18 Santiago Dellape, 19 Robert Barbieri, 20 Pablo Canavosio, 21 Riccardo Bocchino, 22 Andrea Masi.
Australia: 15 Kurtley Beale, 14 Lachie Turner, 13 Adam Ashley-Cooper, 12 Berrick Barnes, 11 Drew Mitchell, 10 Quade Cooper, 9 Luke Burgess, 8 Ben McCalman, 7 David Pocock, 6 Rocky Elsom, 5 Nathan Sharpe, 4 Rob Simmons, 3 Ben Alexander, 2 Stephen Moore, 1 James Slipper.
In panchina: 16 Tatafu Polota-Nau, 17 Benn Robinson, 18 Mark Chisholm, 19 Matt Hodgson, 20 Will Genia, 21 Matt Giteau, 22 Pat McCabe.
Arbitro:
Christophe Berdos (France)