Esterni apre il suo cantiere

Il collettivo Esterni torna ad agire sulla città, nei suoi spazi, nelle piazze e nelle strade, a lavorare nei cosiddetti “non luoghi” e punta sul concept del cantiere come simbolo della città che cambia, della Milano dell’Expo. Proprio oggi l’associazione-collettivo presenta la propria alternativa al Salone del Mobile con una grande inaugurazione al parcheggio di

di trab

Il collettivo Esterni torna ad agire sulla città, nei suoi spazi, nelle piazze e nelle strade, a lavorare nei cosiddetti “non luoghi” e punta sul concept del cantiere come simbolo della città che cambia, della Milano dell’Expo. Proprio oggi l’associazione-collettivo presenta la propria alternativa al Salone del Mobile con una grande inaugurazione al parcheggio di Mario Pagano. Acrobati, giocolieri, luci e allestimenti spettacolari, musica e danze fanno da corollario ad una serata di festa,
dando il via alla settimana del design pubblico.

Mercoledì e giovedì (dalle ore 14) prendono il via i laboratori creativi del ferro, del legno e del cemento: con i materiali base del cantiere esperti e artigiani professionisti insegneranno i rudimenti del costruire. Sabato mattina – l’appuntamento è alle 11 in piazza Bergognone – invece, Esterni e lo studio di comunicazione Cromazoo saranno in zona Tortona per una visita di collaudo nella via del Fuori salone per antonomasia: un’inchiesta sul campo sulle barriere architettoniche di Milano.