Elezioni Midterm USA 2014, la conferenza di Barack Obama

Ecco il discorso del Presidente Obama subito dopo i risultati delle elezioni midterm USA 2014

Il Presidente Barack Obama, come da programma, ha tenuto un breve discorso a commento dei risultati di queste elezioni Midterm che hanno visto i Repubblicani tornare trionfanti al Congresso. Obama, fresco di batosta, ha cominciato come ogni sconfitto avrebbe fatto: ha offerto un ramoscello d’ulivo ai vincitori e si è congratulato per i risultati ottenuti, sottolineano di aver compreso il messaggio dei cittadini.

Gli americani hanno inviato un messaggio, quello che stanno inviando da diverse elezioni a questa parte. Si aspettano che le persone che eleggono lavorino tanto duramente quanto loro. Vogliono che portiamo a termine il lavoro.

Il Presidente ha spiegato che gli Stati Uniti hanno fatto dei progressi reali a partire dalla crisi di sei anni fa e nello snocciolare questi progressi ha sfidato il Congresso – e quindi i Repubblicani – a costruire a partire da questi risultati ottenuti.

I prossimi due anni, ne parlavamo oggi pomeriggio, saranno duri per Obama, che ora dovrà lavorare fianco e fianco con una Camera e un Senato composti in modo sostanziale da membri del GOP. Per questo, lo ha precisato il Presidente USA, ora bisognerà lavorare sui punti in comune tra Democratici e Repubblicani, come l’idea di aiutare i più giovani ad affrontare il college senza essere inondati di debiti o l’aumento del salario minimo garantito.

Nei cinque Stati in cui l’aumento del salario minimo era tra i protagonisti del referendum, gli elettori hanno votato a favore in tutti e cinque i casi.

Poi, a proposito del diritto di veto presidenziale, Obama ha precisato quello che sapevamo già:

Il Congresso passerà delle proposte di legge che non potrò firmare. Potremo trovare dei modi per lavorare insieme su problemi che mettano d’accordo anche tutti i cittadini americani.

Si punterà ovviamente sulla politica estera. Obama ha anticipato che chiederà al Congresso una nuova autorizzazione per combattere il terrorismo in Iraq e Siria:

E’ arrivato il momento di prenderci cura dei nostri affari. Ci sono cose che il nostro Paese deve mettere a posto pensando al futuro.

Tutto sommato Barack Obama si è dimostrato ottimista e speranzoso, aperto alla collaborazione coi Repubblicani:

Cominciamo dalle cose su cui ci troviamo d’accordo!

Ora tutte queste belle parole dovranno essere mette in pratica. Sulla carta sembra tutto molto facile, ma da domani cominceranno i dolori. E nonostante Obama si sia detto convinto di riuscire a far passare una legge che legalizzerà la situazione di migliaia di immigrati che si trovano illegalmente negli Stati Uniti, sono in pochi a credere che ci riuscirà.

I Video di Blogo