Coppa Italia Volley Femminile 2015: la finale è Novara-Modena

L’Igor Gorgonzola ha eliminato l’Imoco Conegliano, mentre la Liu-Jo ha fatto fuori l’Unendo Yamamay

[blogo-video provider_video_id=”JQx0S3l1_po” provider=”youtube” title=”#CoppaItaliaAFVolley – Il promo della Final Four di Rimini” thumb=”” url=”https://www.youtube.com/watch?v=JQx0S3l1_po”]

La finalissima della Coppa Italia di Serie A1 di pallavolo femminile è tra le due regine del campionato: Igor Gorgonzola Novara e Liu-Jo Modena, che sono al momento al primo e al secondo posto della classifica del campionato e oggi hanno vinto le semifinali della Final Four del trofeo nazionale al 105 Stadium di Rimini.

A questo link la diretta della finale tra Novara e Modena

Modena batte Busto Arsizio 3-1

Nella seconda partita Modena ha avuto la meglio sull’Unendo Yamamay Busto Arsizio, che ha pagato la giornata no (causa influenza) del suo opposto Valentina Diouf e una buona prova di Alice Degradi non è bastata a portare le farfalle in finale, mentre Piccinini e socie a tratti sono state davvero inarrestabili.

Nel primo set c’è stato sostanziale equilibrio per gran parte del tempo. Modena è arrivata solo sul +1 al time-out tecnico, poi ha provato ad allungare in più occasioni (14-12, poi 16-14), ma ogni volta Busto Arsizio ha pareggiato rapidamente i conti fino a quando le ragazze di Beltrami hanno trovato l’allungo decisivo: sul 18-16 Parisi ha chiamato il time-out discrezionale, ma Modena ha continuato a macinare punti e a guadagnare sei palle-set (24-18) dopo un attacco-out di Marcon. Le farfalle non sono riuscite ad annullarne nessuna e alla fine Heyrman ha chiuso sul 25-18.

Nel secondo set l’equilibrio è durato molto meno, fino all’8-8, poi Modena ha spiccato il volo grazie soprattutto a un’ottima difesa e al contrattacco preciso, arrivando alla pausa obbligatoria sul +4 (12-8) e incrementando via via il vantaggio fino addirittura al +10 (23-13). Un servizio out di Degradi ha regalato a Piccinini e compagne nove palle-set e un muro vincente di Folie ha messo fine al parziale sul 25-15.

Busto Arsizio è partita meglio nel terzo set tanto da portarsi rapidamente sul 2-6 costringendo Beltrami a chiamare il time-out. Il distacco è salito fino al +4 (7-11), poi le farfalle sono arrivate al time-out tecnico sul +3 (9-12), ma Modena le ha raggiunte sul 15-15. A questo punto la lotta è diventata molto serrata, con Degradi da una parte e Fabris dall’altra scatenate. L’ha spuntata Busto Arsizio che ha conquistato tre palle-set e, dopo che Piccinini ne ha annullata una, un servizio sbagliato di Rondon ha chiuso il set sul 22-25.

Nel quarto set Modena è tornata nella versione schiacciasassi. Al time-out tecnico si è ritrovata avanti di tre punti (12-9), poi ha aumentato il gap con Fabris, Piccinini e Folie a tratti inarrestabili. La Liu-Jo si è trovata per lunghi tratti sul +7 e si è spinta fino al +9 e proprio nove sono state le palle-match conquistate da Heyrman, poi anche in questo caso, come capitan Guiggi ha chiuso la prima semifinale, capitan Piccinini ha chiuso la seconda.

Il risultato finale della seconda semifinale: Liu-Jo Modena – Unendo Yamamay Busto Arsizio 3-1 (25-18, 25-15, 22-25, 25-15)

Modena batte Conegliano 3-1

Igor Gorgonzola Novara finalista Coppa Italia Volley 2015

L’Igor Gorgonzola Novara è la prima finalista della Coppa Italia 2015 della Serie A1 di pallavolo femminile. Le azzurre di Luciano Pedullà, prime della classe in campionato, hanno vinto la semifinale contro l’Imoco Volley Conegliano, che è alla sua prima Final Four. Il successo di Martina Guiggi e compagne è arrivato in quarto set dopo aver rischiato di essere trascinate al tie-break.

Nel primo set Novara ha presto preso il largo portandosi sul +4 (8-4) e costringendo Chiappini a chiamare il time-out discrezionale. Fino alla pausa tecnica le pantere sono riuscite a portarsi momentaneamente a -2 (11-9), poi a trovarsi sotto di tre (12-9). Al rientro in campo l’Imoco ha ridotto ancora le distanze fino al -1 (13-12), ma a quel punto Novara ha reagito e ha di nuovo aumentato il distacco fino al +5 (22-17), poi ha guadagnato quattro palle set (24-20) e se ne è fatta annullare solo una prima di chiudere sul 25-21.

Molto più equilibrato il secondo set, che infatti si è chiuso ai vantaggi. Novara è di nuovo partita meglio delle avversarie ed è arrivata alla pausa obbligatoria sul +3 (12-9), ma le pantere, punto dopo punto, hanno rosicchiato il gap e lo hanno annullato sul 19-19 per poi passare in vantaggio (19-20). È cominciata una lotta punto a punto che ha visto Conegliano guadagnare per prima un set point con Jenny Barazza (23-24), ma Hill lo ha annullato, così come ha cancellato il secondo set point per le trevigiane arrivato dopo una diagonale out di Barun. Le azzurre hanno così guadagnato una palla set per sé grazie all’interpretazione degli arbitri che hanno dato fuori un attacco di Conegliano che sembrava toccato a muro, poi un altro attacco out delle venete ha regalato alle piemontesi il punto del 27-25.

Nel terzo set, dopo un iniziale equilibrio (fino al 7-7), Conegliano si è portata in vantaggio di tre punti al time-out tecnico (9-12), ma al rientro in campo Novara ha ristabilito la parità sul 13-13. Le pantere hanno tirato fuori gli artigli e hanno trovato il guizzo vincente riportandosi avanti fino al +5 (17-22), infine con Furlan hanno ottenuto cinque palle-set, solo una annullata da Chirichella prima che il risultato venisse fissato sul 20-25.

Nel quarto set Conegliano è stata in vantaggio per gran parte del tempo. Al time-out tecnico è arrivata sul +2 (10-12), poi è stata riacciuffata sul 16-16 da un ace di Klineman, è di nuovo andata avanti fino al 20-22 con Ozsoy, ma Novara ha pareggiato sul 22-22 e sorpassato grazie al cartellino rosso inflitto a Chiappini per proteste (23-22). Nikolova ha pareggiato, ma le azzurre hanno guadagnato un primo match-point, annullato dalla bulgara, poi un altro match-point questa volta concretizzato dalla capitana Martina Guiggi per il 26-24 e dunque il 3-1 finale.

Il risultato della prima semifinale: Igor Gorgonzola Novara – Imoco Volley Conegliano 3-1 (25-21, 27-25, 20-25, 26-24)

Foto © Filippo Rubin/LVF