Alex Schwazer: “Carolina Kostner? Spero che un giorno mi perdoni”

Il marciatore altoatesino, intervistato dal programma Verissimo.

Alex Schwazer, marciatore altoatesino risultato positivo ad un controllo anti-doping alla vigilia delle Olimpiadi di Londra 2012, squalificato dal Tribunale Nazionale Antidoping per 3 anni e 6 mesi e recentemente sospeso per altri 3 mesi per aver eluso un prelievo dei campioni biologici, è stato intervistato dal programma Verissimo, in onda su Canale 5 oggi, sabato 28 febbraio 2015, a partire dalle ore 16:30.

Schwazer ha dichiarato di aver raggiunto nuovamente la forma psicofisica di sette anni fa che gli ha permesso di vincere un oro alle Olimpiadi di Pechino 2008:

Penso di essermi ritrovato e aver superato la mia fase depressiva. Penso di essere tornato quello che ero all’inizio, prima di vincere l’Oro alle Olimpiadi del 2008. Ho voglia di allenarmi, di rimettermi in gioco. Il mio obiettivo è partecipare alle Olimpiadi di Rio del 2016, anche se so che ci sono delle regole della Federazione da rispettare.

La partecipazione a Rio 2016, quindi, non è ancora certa ma Alex Schwazer è pronto a riscattarsi agonisticamente anche in un’altra competizione:

Mi sto allenando duramente. Sono disposto a sottopormi a qualsiasi controllo, per cui ci spero ma, se non dovesse accadere, ci sarà l’anno dopo e quello dopo ancora. Penso di avere ancora qualche anno per dimostrare il mio valore. Io sono forte perché Madre Natura mi ha dato questa forza e non vedo l’ora di poterlo dimostrare in gara.

Purtroppo, come ricordiamo, anche Carolina Kostner è rimasta coinvolta in questa vicenda. La pattinatrice bolzanina, infatti, è stata squalificata per un anno e 4 mesi, con sentenza di primo grado, per complicità.

Alex Schwazer non nasconde i propri sensi di colpa nei confronti della sua ex fidanzata ed è convinto che ci sia stata una sorta di strumentalizzazione ai danni della pattinatrice:

Non mi sento bene nei suoi confronti. Ho sbagliato a saltare quel famoso controllo antidoping per cui è stata coinvolta anche lei. Penso anche che la mia e la sua storia, proprio perché siamo due atleti conosciuti, venga un po’ strumentalizzata. E’ giusto che si faccia la lotta al doping, ma lei colpe non ne ha.

Il marciatore spera un giorno di poter recuperare il rapporto con la Kostner:

Spero che un giorno mi perdoni, ma adesso la vicenda è troppo fresca, ci vorrà del tempo. Le ho chiesto scusa ma ora non c’è nessun contatto tra noi.

Foto | © Getty Images