Wta Anversa 2015: Schiavone eliminata ai quarti dalla Suarez Navarro

Wta Anversa 2015. Francesca Schiavone sconfitta nei quarti

Si ferma ai quarti di finale Francesca Schiavone nel Wta Premier di Anversa 2015. A sconfiggerla, Carla Suarez Navarro con il punteggio di 6-3; 6-2. Primo set “da record” per il tennis femminile. Oltre un’ora di gioco con 9 game tutti terminati ai vantaggi. Tanti i rimpianti per Francesca che parte a razzo (3-0 e 4 break point per il possibile 4-0) per poi subire un parziale di 6 game di fila. Equilibrato l’inizio della seconda frazione. La Schiavone gioca alla pari ma la Navarro sfrutta al meglio un altro black out dell’azzurra e con altri 4 giochi consecutivi dal 3-2 fa sua la partita e si guadagna la semifinale con la ceca Pliskova.

Wta Anversa 2015 | Schiavone – Kerber | 12 febbraio

Clamoroso successo di Francesca Schiavone al Wta di Anversa 2015. L’ex campionessa del Roland Garros ha sconfitto, negli ottavi di finale, con un doppio 6-1, Angelique Kerber, testa di serie n°2 del torneo belga.

Dominio dell’azzurra. Mai in partita la Kerber. L’equilibrio è durato solo due game. Dall’1-1 nel primo set, Francesca, complice anche la colpevole assenza dell’avversaria, ha inanellato dieci giochi di fila. Dopo 40 minuti, la sfida, di fatto, era già conclusa con la Schiavone avanti 6-1; 4-0. Interrotta l’emorragia di game subiti, la Kerber non ha sfruttato due break point nel sesto gioco della seconda frazione per accorciare le distanze e tentare di riaprire la contesa. Arginato l’attacco, peraltro molto flebile, della rivale, Francesca ha chiuso l’incontro con il quinto break del match.

Quella odierna è la quinta vittoria consecutiva per la Schiavone a Anversa. Partita dalle qualificazioni ha superato Kichenok, Dodin e Friedsman per poi imporsi, nel primo turno del main draw, sulla Koukalova con un netto 6-3; 6-1. Erano tre anni che la milanese non riusciva a battere una top ten. L’ultima volta è accaduto al Wta di Sydney ’12 contro Samantha Stosur. L’exploit più recente lo scorso anno agli Internazionali d’Italia con il 6-4; 6-2 rifilato a Genie Bouchard. Da allora più nulla.

Che sia un nuovo inizio. Difficile prevederlo. Intanto, domani, nei quarti c’è la Suarez Navarro. La spagnola, dopo aver eliminato la Giorgi, si è ripetuta con la rumena Monica Niculescu (4-6; 6-0; 6-2). Petkovic-Cibulkova; Pliskova-Safarova gli altri quarti delineati finora, in attesa dell’esordio, in serata, della Bouchard contro la Barthel. Chi passa affronta la ceca Strycova (6-4; 6-2 alla Cornet)

Wta Anversa 2015: Giorgi eliminata

11 febbraio

Si conclude subito, con un’eliminazione al primo turno, il cammino di Camila Giorgi al Wta Premier di Anversa 2015. A batterla, Carla Suarez Navarro con il punteggio di 1-6; 6-2; 6-4

Primo set quasi perfetto per la Giorgi. Pronti, via e break per Camila che prende subito le distanze dall’avversaria. La Suarez Navarro, sofferente al gomito, non riesce a contenere il ritmo impresso dall’azzurra. Non c’è partita negli scambi e l’iberica, alle corde, perde di nuovo il servizio nel sesto game, quello che precede il meritato 6-1 per la marchigiana che ribadisce ulteriormente la propria superiorità con le 0 palle break concesse alla rivale.

La Suarez Navarro ricorre ai consigli del coach e il match diventa più equilibrato. Il demerito però è di Camila. Per due volte in vantaggio di un break in avvio di secondo parziale, la Giorgi si fa riprendere, complice la troppa fretta nel voler chiudere lo scambio e qualche incertezza sopravvenuta al servizio con il riemergere puntuale dei doppi falli. Lacune, improvvise, che purtroppo proseguono. Sembra di assistere di nuovo a quanto visto domenica scorsa in Fed Cup contro la Garcia. E così, dal 2-2, sono quattro i game di fila per la Navarro che riporta la partita in parità.

Nel terzo set, la Giorgi è sempre costretta a rincorrere. Cinque i break point non concretizzati dalla spagnola (di cui tre sull’1-2, 0-40) che si mantiene sempre avanti, azzerando gli errori in battuta. Del resto, con una Giorgi così fallosa basta solo attendere per mettere definitivamente le mani sulla partita e così accade quando, sotto 5-4, Camila capitola al quarto match point concesso all’avversaria con un macroscopico errore di dritto. Finisce così con un 6-4 che certifica di nuovo, purtroppo, quando la Giorgi sia sempre più l’incarnazione tennistica di Dottor Jekyll e Mister Hyde.

Ultime notizie su WTA Tour Championships

Tutto su WTA Tour Championships →