Roma 2024, Montezemolo presidente del Comitato Promotore

L’ex presidente del Comitato Italia ’90 e di Ferrari guiderà Roma alla candidatura per i Giochi Olimpici 2024

Luca Cordero di Montezemolo è il presidente del Comitato promotore di Roma 2024. Per il 67enne presidente di Alitalia si tratta del terzo grande incarico in ambito sportivo di una carriera che lo ha visto presidente del comitato organizzatore dei Campionati Mondiali di Calcio di Italia ’90 fra il 1986 e il 1990 e presidente della Ferrari dal 1991 al 2014 (con una breve parentesi come vicepresidente esecutivo della Juventus dopo i Mondiali).

Sarà lui a tessere le relazioni necessarie per consentire alla candidatura italiana di prevalere su quelle tedesche (Berlino o Amburgo), francese (Parigi) e statunitense (Boston). La decisione verrà presa nel settembre 2017, ci sono due anni e mezzo per lavorare a un progetto alquanto discutibile vista la situazione economica del nostro Paese e viste le macerie economiche lasciate da molti eventi sportivi di rilevanza mondiale fuori dai Brics.

L’attuale sindaco capitolino Ignazio Marino sembra non essere in sintonia con gli entusiasmi dell’asse politico-economico che chiede i Giochi. L’esperienza di Torino, la metropoli più indebitata d’Italia dopo i salassi dei Giochi Olimpici 2006 dovrebbe insegnare qualcosa. Negli incontri cruciali nell’iter della candidatura – come quello del 21 gennaio scorso fra Matteo Renzi, Giovanni Malagò e il presidente del Cio Thomas Bach – il sindaco capitolino ha fatto pesare la sua assenza.

Il vicepresidente del comitato sarà Luca Pancalli, che il compito di gestire il rapporto con gli enti locali a partire dal comune di Roma.

È un accordo che avevo preso con il sindaco Marino volevo che Luca entrasse come uomo di sport utilizzando al meglio questa esperienza,

ha dichiarato il presidente del Coni Malagò.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Olimpiadi

Tutto su Olimpiadi →