Scherma, fioretto a squadre: oro per le ragazze del dream team ad Algeri

La squadra maschile a Bonn è arrivata quarta.

Il dream team torna al suo posto, ossia il primo gradino del podio. Alla squadra italiana femminile di fioretto quest’anno mancava ancora la vittoria nella prova collettiva: terze a Cancun, seconde a St Maur e poi di nuovo terze a Danzica, le azzurre oggi sono riuscite a vincere l’oro ad Algeri battendo in finale la Russia 45-40.

Arianna Errigo (seconda ieri nella prova individuale), Valentina Vezzali, Martina Batini e Alice Volpi (che sostituisce Elisa Di Francisca, rimasta in Italia per problemi alla caviglia sinistra) hanno cominciato la giornata superando ai quarti l’Ungheria per 45-32, poi in semifinale hanno battuto la Germania 45-39 e infine il successo sulla Russia. L’oro mancava da luglio, quando il dream team ha vinto i Mondiali a Kazan.
Le tedesche hanno poi vinto la finale per il terzo posto contro gli Usa 38-33, guadagnando così il bronzo.

Anche i ragazzi a Bonn sono stati impegnati nella prova a squadre dopo che ieri sono riusciti a piazzare Andrea Cassarà sul primo gradino e Alessio Foconi sul terzo della prova individuale.
Oggi sono saliti in pedana Andrea Cassarà, Andrea Baldini, Giorgio Avola e Valerio Aspromonte, che hanno superato il primo turno battendo 45-36 Hong Kong, poi hanno vinto i quarti di finale contro la Cina 45-39, ma in semifinale hanno perso contro la Russia 45-40. Gli azzurri hanno avuto la possibilità di giocare la finale per il terzo posto contro gli Usa e hanno sfiorato la vittoria: in particolare, nell’ultima frazione Andrea Baldini ha compiuto una straordinaria rimonta perché dal 40-31 per gli americani è riuscito a difendersi strenuamente sul 44-37 e poi a pareggiare sul 44-44, ma la sua impresa non è bastata per la vittoria perché Alexander Massialas ha chiuso sul 45-44 per gli Stati Uniti che sono così saliti sul terzo gradino del podio.
Nella finale per l’oro la Francia ha vinto 45-43 contro la Russia.

Foto e video © Federscherma

I Video di Blogo

Baby Squillo ai Parioli di Roma – Nuccio Fava a Montecitorio difronte al Garante della Privacy