Tour of Qatar 2015: la prima tappa a Rojas davanti a Boonen | Video

Lo spagnolo della Movistar ha vinto lo sprint finale. Secondo Tom Boonen, terzo Arnaud Démare.

Lo spagnolo José Joaquin Rojas ha vinto la prima frazione del Tour of Qatar 2015 sfrecciando davanti a tutti all’arrivo di Sealine Beach. Il velocista della Movistar si è aggiudicato la vittoria di tappa e ovviamente ha guadagnato il diritto di indossare per primo la maglia di leader della classifica generale. Dietro di lui si sono piazzati Tom Boonen dell’Etixx-Quick Step, corridore che ha ottimi precedenti sulle strade del Qatar, e il francese Arnaud Démare della FDJ.


La fuga di giornata ha preso il via poco dopo la partenza, animata da Luca Sterbini della Bardiani CSF e Jarl Salomein della Topsport Vlaanderen-Baloise. Questi due attaccanti sono riusciti a guadagnare un distacco fino a 7 minuti, poi Giant-Alpecin e FDJ hanno forzato il ritmo per riprenderli e a 60 km dalla fine la loro avventura è finita.

Dopo che il gruppo ha riacciuffato i battistrada, si è spezzato in due a causa del vento e nel frattempo Tom Boonen ne ha approfittato per cercare di staccassi da solo, ma il suo tentativo è stato bloccato dopo una decina di chilometri, quando la Cofidis si è decisa a non lasciargli spazio, conoscendo bene le sue doti da finisseur.

A una trentina di km dalla fine ci hanno pensato Lars Boom e Lieuwe Westra dell’Astana con Matti Breschel della Tinkoff-Saxo a dare un po’ di vivacità a una corsa piuttosto piatta e sono riusciti a fuggire via guadagnando 50 secondi di vantaggio. Guidato dall’Etixx-Quick Step e dalla Cofidis, il gruppo ha ripreso anche questi tre attaccati a 13 km dall’arrivo, quando poi è cominciata la solita lotta tra i team dei velocisti che con i loro treni hanno cercato di mettere i capitani nella miglior condizione possibile. Una cinquantina di corridori si è ritrovata nella testa del gruppo a combattere per la vittoria finale, ma quello messo meglio di tutti è stato Rojas che ha tagliato il traguardo per primo. Per lui è la prima vittoria del 2015.

Il migliore degli italiani paggi è stato Andrea Guardini, ottavo, reduce da un secondo e un terzo posto al Dubai Tour nella settimana che è appena finita.

Questi sono i primi dieci oggi al traguardo tutti con lo stesso tempo:

    1) José Joaquin Rojas (Spagna) Movistar Team 3h 49′ 50″
    2) Tom Boonen (Belgio) Etixx – Quick-Step
    3) Arnaud Démare (Francia) FDJ.fr
    4) Peter Sagan (Slovacchia) Tinkoff-Saxo
    5) Sam Bennett (Irlanda) Bora-Argon 18
    6) Jasper Stuyven (Belgio) Trek Factory Racing
    7) Heinrich Haussler (Australia) IAM Cycling
    8) Andrea Guardini (Italia) Astana Pro Team
    9) Alexander Kristoff (Norvegia) Team Katusha
    10) Nacer Bouhanni (Francia) Cofidis, Solutions Crédits

E queste, in virtù degli abbuoni, le prime dieci posizioni della classifica generale:

    1) José Joaquin Rojas (Spa) Movistar Team 3h 49′ 40″
    2) Tom Boonen (Bel) Etixx – Quick-Step +4″
    3) Arnaud Démare (Fra) FDJ.fr +6″
    4) Niki Terpstra (Ned) Etixx – Quick-Step +8″
    5) Roberto Ferrari (Ita) Lampre-Merida +9″
    6) Peter Sagan (Svk) Tinkoff-Saxo +10″
    7) Sam Bennett (Irl) Bora-Argon 18 +10″
    8) Jasper Stuyven (Bel) Trek Factory Racing +10″
    9) Heinrich Haussler (Aus) IAM Cycling +10″
    10) Andrea Guardini (Ita) Astana Pro Team +10″