Dementi, il Jackass della nazionale italiana di tuffi

A vederli in tv mentre si preparano sulle piattaforme, in una atmosfera di assoluto silenzio e concentrazione, è facile pensare ai tuffatori come soggetti abituati alla meditazione o alle pratiche di rilassamento interiore. Insomma, se li vedessimo protagonisti di un videocorso di Zen, non ci stupiremmo davvero. E invece i nostri Nicola Marconi e Massimiliano

A vederli in tv mentre si preparano sulle piattaforme, in una atmosfera di assoluto silenzio e concentrazione, è facile pensare ai tuffatori come soggetti abituati alla meditazione o alle pratiche di rilassamento interiore. Insomma, se li vedessimo protagonisti di un videocorso di Zen, non ci stupiremmo davvero. E invece i nostri Nicola Marconi e Massimiliano Mazzucchi, che rappresenteranno l’Italia ai prossimi mondiali di nuoto a Roma, nella disciplina dei tuffi, hanno avuto un’idea che rivela una particolare attitudine alla pazzia nei tuffatori di un certo livello.

In questi video potete vedere gli stessi atleti che si producono in tuffi con elevato “coefficiente di difficoltà” fare improbabili battaglie aeree “di petto”, usando tappeti elastici o qualunque altra cosa li faccia “rimbalzare”. Una serie di prove pseudo sportive assolutamente da non provare a casa, con slittini della morte, camere d’aria gonfiate all’inverosimile che diventano attrezzature per le discese dai pendii, battaglie a suon di uova appena deposte e altri scherzi che definirli “da camerata” sarebbe un eufemismo. C’è veramente di tutto, ma il comune denominatore è sempre quello dell’idiozia.

La serie, nata grazie alla copiosa disponibilità di materiale tratto dalle riprese durante le trasferte o in altre occasioni che vedevano riuniti gli atleti insieme alle loro squadre, non poteva avere nome più esplicativo: “Dementi”. Per stessa ammissione degli ideatori dei corti, l’ispirazione è stata presa dalla trasmissione “Jackass”, molto in voga negli Stati Uniti e fatta di umorismo volgare e brevi sketch demenziali.

Ormai Dementi è giunto al quarto episodio e ha già fatto il giro del mondo, tanto che alcuni tuffatori delle altre squadre nazionali hanno chiesto di unirsi al “team demente”. In attesa dell’imminente apertura del “circo” (mai parola fu più in tema) acquatico dei Mondiali di Nuoto del Foro Italico, possiamo gustarci tutti i video dei dementi augurandoci di poter vedere qualche altro demenziale dietro le quinte anche in questa occasione.