USA, Michael Marino non fu una delle vittime del serial killer John Wayne Gacy: lo conferma il DNA

Sono passati quasi 35 anni dall’ondata di omicidi compiuta dal serial killer John Wayne Gacy, il clown assassino arrestato nel 1978 e giustiziato tramite iniezione letale nel 1994. Almeno 33 le vittime, tutti adolescenti tra i 14 e i 21 anni di età, ma in queste ore il DNA ha smentito un dato considerato certo

Sono passati quasi 35 anni dall’ondata di omicidi compiuta dal serial killer John Wayne Gacy, il clown assassino arrestato nel 1978 e giustiziato tramite iniezione letale nel 1994. Almeno 33 le vittime, tutti adolescenti tra i 14 e i 21 anni di età, ma in queste ore il DNA ha smentito un dato considerato certo fino ad oggi: Michael Marino, 14enne scomparso nell’ottobre 1976, non fu una delle vittime di Gacy.

I resti di quel 14enne che a questo punto rimane senza identità, erano stati attribuiti a Marino dall’ortodontista Edward Pavlik che si era occupato di comparare la dentatura della vittima e quella del 14 scomparso: 100% di compatibilità, nessuno dubbio sul fatto che si trattasse proprio di Marino.

La madre del giovane, però, si era sempre opposta a quella verità ed ora l’esame del DNA, autorizzato da un giudice lo scorso anno, sembra averle dato ragione. Quest’ultima scoperta, riferiscono i legali della donna, Sherry Marino, riaccende i riflettori su uno dei serial killer più brutali e prolifici degli Stati Uniti e pone l’accento sulle modalità di identificazione delle vittime a lui attribuite: e se quello di Marino non fosse un caso isolato?

Via | Huffington Post

I Video di Blogo

Ultime notizie su Serial Killer

Tutto su Serial Killer →