Papa Francesco: “Prima hanno sofferto gli ebrei, ora è il turno dei cristiani”

A colloquio con il presidente del Wold Jewish Congress.

Papa Francesco affronta uno degli argomenti più delicati in assoluto, la persecuzione dei cristiani in giro per il mondo a cui si assiste oggi e quella del passato invece riservata agli ebrei. Ne ha parlato con Ronald S. Lauder, presidente del Wold Jewish Congress: “Nel mondo ci sono ancora grandi sofferenze, prima è stato il vostro turno, adesso è il nostro turno”. I due si sono incontrati ieri sera in Vaticano, e le parole del Pontefice sono state riportate proprio da Lauder.

“Ebrei e cristiani devono pregare insieme per il mondo e per la pace nel mondo”, avrebbe detto il Papa secondo Lauder; che da parte sua ha invece aggiunto: “Prima gli ebrei hanno sofferto selvaggi attacchi e il mondo è rimasto in silenzio. Ora sono i cristiani che vengono annientati e di nuovo il mondo dice poco. Perché il mondo non reagisce? Il World Jewish Congress e il Papa sono d’accordo nel condannare i selvaggi attacchi contro i cristiani in Medio Oriente e in altre regioni del mondo”.

Il leader ebraico ha anche fatto sapere di voler fare visita alle migliaia di profughi cristiani che si trovano in Giordania dopo essere fuggiti da Siria e Iraq. E il Papa gli ha chiesto di portare loro “i suoi saluti”. Ovviamente un’occasione del genere non può che portare a discutere anche il tema dell’antisemitismo: “In Europa è cresciuto moltissimo soprattutto dopo la guerra di Gaza. Un piccolo gruppo di agitatori ha sfruttato questi eventi per aumentare l’antisemitismo”.

E da qui a parlare del recente conflitto tra Israele e Gaza il passo è molto breve. Ma Lauder non ha una posizione dissimile da quella classica filo-israeliana: “Israele si è difeso come avrebbe fatto qualunque Paese di fronte alle migliaia di razzi che vengono sparati dai terroristi”.

Papa Francesco

I Video di Blogo