Rimpasto di governo: ecco cosa cambierà

La sostituzione del ministro degli Esteri potrebbe dare il via a un nuovo balletto.

Federica Mogherini è stata designata nuova Lady Pesc e inevitabilmente dovrà lasciare il suo posto alla Farnesina. Ragion per cui al momento la ridda di voci si concentra sui possibili nomi come nuovo ministro degli Esteri. Non c’è fretta però; passeranno ancora un paio di mesi prima che Mogherini prenda effettivamente posto come rappresentante per la politica estera europea, e quindi c’è tempo per valutare anche un possibile rimpasto di governo. Sono mesi, ormai, che si vocifera di come Matteo Renzi non sia troppo soddisfatto della sua squadra di governo e di come vorrebbe scombinare un po’ il quadro, ma lo stesso Renzi è bloccato proprio dal fatto che il “rimpasto”, per definizione, è una delle manovre base della “vecchia politica” per modificare gli equilibri di potere, spostare qualche casella qua e là senza che nulla cambi davvero, ma accontentando i vari potentati.

È lo stesso significato di rimpasto di governo, quindi, ad aver impedito a Renzi, fino a oggi, di cambiare squadra. Ma l’inevitabile sostituzione di Federica Mogherini potrebbe essere l’occasione perfetta per dare via a un rimpasto senza che questo possa essere letto come la solita manovra politica. E quindi, cosa cambierà? Dato per accertato che alla Farnesina potrebbe finire Lapo Pistelli, attuale vice ministro degli Esteri e di cui Renzi fu ai tempi portaborse, più difficile capire come invece potrebbe cambiare le altre caselle.

Si parla di uno spostamento di Angelino Alfano al ministero degli Esteri. Sembra che sia lo stesso Renzi a volerlo, per liberare la casella degli Interni in favore di un suo fedelissimo. Tutto è possibile, certo, anche se l’idea di portare alla Farnesina Alfano – che negli ultimi tempi ha messo assieme un bel po’ di scivoloni, il più grave dei quali, il caso Ablyazov, proprio in materia di politica estera – non sembra felicissima. Alfano potrebbe allora traslocare alla Difesa – ruolo comunque delicato, ma meno in vista – in modo da portare l’attuale ministro Roberta Pinotti agli Esteri.

La cosa più importante, sembra di capire, è rimuovere Alfano dagli Interni. Per mettere al suo posto un fedelissimo di Renzi, che vuole in quel ruolo così cruciale qualcuno con cui abbia un filo direttissimo. E il pensiero corre immediatamente a Graziano Delrio, attuale sottosegretario alla presidenza del Consiglio e uomo ombra di Renzi. Si vedrà. In tutto questo, Renzi potrebbe approfittarne per “liberarsi” di un ministro con cui nell’ultimo periodo ha quasi completamente perduto il feeling: Stefania Giannini, segretario di Scelta Civica e attuale ministro dell’Istruzione. La scuola è uno dei temi che Renzi dice sempre essere al centro dei suoi pensieri, ragion per cui, con tutta probabilità, anche lì vuole vedere un esponente del Partito Democratico. Nel centro del mirino, potrebbe esserci anche Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture, ultimamente ai ferri corti con il premier.

delrio

I Video di Blogo

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →