Genova: la Procura della Repubblica fa arrestare 40enne per pedofilia e violenza sessuale, poi si scopre che ha l’ HIV

Una vicenda simile a quella, raccontata qualche giorno fa, della popstar tedesca Nadja Benaissa. Siamo a Genova. Un 40enne viene arrestato per violenza sessuale e pedofilia. L’ avvocato ne chiede la scarcerazione: il suo assistito è sieropositivo. Il virus non è compatibile col sistema carcerario.Per la Procura piove sul bagnato. Secondo le indagini effettuate finora

di remar

Una vicenda simile a quella, raccontata qualche giorno fa, della popstar tedesca Nadja Benaissa. Siamo a Genova. Un 40enne viene arrestato per violenza sessuale e pedofilia. L’ avvocato ne chiede la scarcerazione: il suo assistito è sieropositivo. Il virus non è compatibile col sistema carcerario.

Per la Procura piove sul bagnato. Secondo le indagini effettuate finora l’ uomo infatti avrebbe avuto, negli ultimi 2 anni, diversi rapporti sessuali non protetti con minori – dai 13 ai 17 anni – e adulti consenzienti. Uno di questi avrebbe già contratto il virus.

L’ inchiesta ora dovrà accertare se (e da quanto tempo) il 40enne fosse a conoscenza della sua patologia. In tal caso l’ uomo dovrà rispondere anche di lesioni personali gravissime per gli eventuali danni biologici causati a partners inconsapevoli.

Sulla richiesta di domiciliari la Procura – che in questi giorni sta lavorando per rintracciare quanti hanno avuto rapporti sessuali, volontari e non, con l’ uomo – si pronuncerà dopo un’ accurata perizia medica.

Qualche tempo fa negli Stati Uniti fece clamore una sentenza che condannò a 35 anni Willie Campbell, reo d’ aver sputato in faccia a un poliziotto. La sua saliva venne considerata dalla corte un’ arma potenzialmente letale.

I Video di Blogo