L’Astana di Nibali ha avuto la licenza UCI World Tour per il 2015

La squadra kazaka potrà continuare a competere ai massimi livelli.

[blogo-video provider_video_id=”qQe92zg3X54″ provider=”youtube” title=”Vincenzo Nibali wins Italy’s 2014 National Championship” thumb=”” url=”http://www.youtube.com/watch?v=qQe92zg3X54″]

Tanto rumore per nulla, si potrebbe dire: alla fine l’Astana ha avuto la sua licenza UCI World Tour per il 2015 e potrà continuare a competere ad alto livello nelle gare più importanti del calendario nonostante i casi di doping che sono stati riscontrati nella sua rosa, soprattutto nella formazione Continental.

La Commissione delle Licenze, dopo un’attenta indagine sul management e la politica antidoping della squadra kazaka, ha deciso di concedergli la licenza. La notizia è stata diffusa ieri sera. La stessa Astana, evidentemente al settimo cielo, ha pubblicato un tweet e poi un breve comunicato stampa in cui ha annunciato:

“L’Astana Pro Team è felice e orgogliosa di annunciare che abbiamo ottenuto la Licenza World Tour 2015 e competeremo ai più alti livelli in questo sport nella prossima stagione. Grazie ai corridori, lo staff, la famiglia, gli sponsor, gli amici e ai tifosi per il vostro supporto”

Il tweet dell’Astana è stato accompagnato da una foto del capitano Vincenzo Nibali vittorioso al Tour de France e ovviamente proprio lui è stato uno dei più richiesti dai giornalisti per le prime dichiarazioni e lo Squalo dello Stretto ha confermato di essere sempre stato tranquillo e sereno anche in questo periodo di incertezza.

Il suo direttore sportivo Beppe Martinelli a Tuttobici ha confessato che la squadra ha attraversato momenti “davvero molto difficili” e che tra i corridori c’era un po’ di tensione, ma adesso che è arrivata la buona notizia la preoccupazione è una soltanto: quella di vivere nel 2015 una stagione esaltante come lo è stata quella del 2014.

Chiaramente l’obiettivo principale della squadra di Alexander Vinoukourov sarà ripetere il successo al Tour de France con Vincenzo Nibali e puntare anche a qualche vittoria in più negli altri grandi giri con Fabio Aru.