Romanorum – il romano spiegato ai romani. L’abbiocco e la cecagna

Romanorum: il romano spiegato ai romani. La stanchezza della cecagna e la sonnolenza dell’abbiocco.


Nuovo appuntamento con “Romanorum: il romano spiegato ai romani“: il nostro piccolo viaggio tra i modi di dire romani. Le origini poco note di certe espressioni, di alcuni termini del – dialetto o parlata, scegliete voi – romanesco. Quelle che usiamo ancora, in bilico tra tradizione e modernità, ma di cui ignoriamo spesso i natali. Confusi dal tempo o da eventi ormai – solo – tramandati.

Sarà il cambio di stagione o la pigrizia indotta dal ponentino che resiste anche allo smog più insidioso, ma nessuno è particolarmente reattivo negli ultimi giorni. Il romano de Roma sa che in questi casi sopraggiungono spesso due momenti, in rapida successione. Il primo è la cecagna: un forte desiderio di dormire e una progressiva pesantezza agli occhi (le palpebre che si abbassano e rendono ‘ciechi’, appunto).

Il secondo è il vero e proprio abbiocco. L’origine in questo caso è animale: la Biocca infatti è la gallina che si mette in un angolo, pronta alla cova, abbioccandosi. Arruffata e a riposo, come succede a chi cede – finalmente – alla sonnolenza.

I Video di Blogo