Vela, Volvo Ocean Race | La flotta contro le onde alte dell’Oceano Indiano – Video

La seconda tappa della Volvo Ocean Race

di antonio

Dopo la prima notte trascorsa in tutta tranquillità la flotta della Volvo Ocean Race è entrata ufficialmente nell’Oceano Indiano tra onde alte e vento forte. La seconda tappa del giro del mondo in vela sta entrando nel vivo e la corrente di Agulhas sta mettendo a dura prova gli equipaggi e le imbarcazioni (video in alto a bordo di DongFeng Race Team). Onde intorno ai 4 metri, corrente intorno ai 5 nodi e il vento intorno ai 25/30 nodi affaticano i 66 velisti della competizione. Riti quotidiani come cucinare e riposarsi diventano un’impresa in queste condizione, come ha raccontato Amory Ross da bordo di Team Alvimedica:

“Lavorare è difficile, ci ho messo quasi un’ora a scrivere il mio blog oggi, e mangiare è ancora più difficile, nessuno si avvicina nemmeno al cibo e anche cose da nulla come versare il latte in polvere nella ciotola per mangiare un po’ di cereali può essere un problema, Charlie (Enright, lo skipper) lo ha appena fatto e la cucina adesso sembra una scena di un film dell’orrore.”

CARTOGRAFIA

Il significativo racconto di Francisco Vignale, Onboard reporter di MAPFRE: “Le barche sono tutte molto vicine, ci sono cinque nodi di corrente e in coperta sembra di stare su un sottomarino, sottocoperta le cose volano di qua e di là“. Le posizioni di classifica: la flotta ora è guidata dai franco/cinesi Dongfeng Race Team davanti ai giovani di Team Alvimedica, con l’italiano Alberto Bolzan, la barca che si è tenuta più a nord di tutti, che ha tenuto un buon passo e il controllo sugli inseguitori più immediati. Terzi gli spagnoli di MAPFRE, seguono Team Brunel, Abu Dhabi, Team Vestas Wind e Team Sca.

Le velocità di punta sono di alto livello: Team SCA ha fatto registrare 24,4 nodi di top speed e MAPFRE in un giorno ha percorso ben 517,3 miglia. Le previsioni meteo fornite dal Race Control Centre di Alicante indicano per la sera una lieve diminuzione dell’intensità del vento di direzione ovest o ovest-sud-ovest che tornerà a crescere durate la notte, per raggiungere picchi di 30 nodi, soprattutto per coloro che si sono tenuti più a sud. Il mare continuerà sarà sempre piuttosto mosso con onde 3 metri e si segnala anche la possibilità di temporali. .