Volley maschile, Cev Cup 2015: Trento agli ottavi. Novi Sad battuto anche al ritorno

Per la Trentino Volley dopo il successo in trasferta per 3-1 è arrivato quello in casa per 3-0 contro i serbi del Vojvodina NS Seme Novi Sad.

L’Energy T.T. Diatec Trentino si è qualificata agli ottavi di finale della Cev Cup 2015 battendo anche nel match di ritorno il Vojvodina NS Seme Novi Sad. I gialloblù ce l’hanno fatta in tre set, anche se l’incontro è stato più equilibrato di quanto si possa pensare, soprattutto nei primi due set, quando i ragazzi di Radostin Stoytchev hanno dovuto sudare parecchio per chiudere i parziali.

La partita di oggi non era solfando la prima della stagione in casa in una competizione europea, ma era anche la numero 100 di Trento nelle manifestazioni internazionali. Non si poteva festeggiare meglio questo traguardo dei gialloblù che sono scesi in campo con la loro formazione tipo, cioè con Zygadlo al palleggio, Nemec opposto, Kaziyski Lanza in banda, Birarelli e Solé al centro più Colaci libero. L’allenatore dei serbi, Strahinjia Kozic, ha risposto con Jovanovic in regia, Luburic opposto, Mihajlo Stankovic e Katic schiacciatori, Simic e Cedemir Stankovic al centro più Pekovic libero.

Nel primo set c’è stata subito una lotta punto a punto sui primi palloni e sono stati gli ospiti ad arrivare sul +1 al primo time-out tecnico (7-8), riuscendo poi ad allungare fino al +2 (9-11), ma Kaziyski ha suonato la carica e ha trascinato i suoi fino a non solo raggiungere (11-11) gli avversari, ma anche a superarli, spingendosi con Nemec fino al +3 (18-15). Il Novi Sad tuttavia non ha mollato e ha trovato di nuovo la parità sul 19-19. I serbi sono riusciti ad arrivare al 21-23, ma Stoytchev ha chiamato il time-out e al rientro in campo i suoi ragazzi hanno messo a segno un parziale di 4-0 grazie ai suoi capitani, Kaziyski al servizio e Birarelli scatenato in attacco fino a chiudere sul 25-23.

Nel secondo set Trento è riuscita ad avere più volte un vantaggio di 2-3 punti e, sempre con Kaziyski in battuta, è arrivata fino al +4 (11-7), ma anche questa volta il Novi Sad si è rifatto sotto portandosi a -1 (12-11). I padroni di casa tuttavia sono riusciti a ritrovare il +3 a ridosso della seconda pausa tecnica (16-13) e sono di nuovo arrivati al +4 sul 21-17, ma proprio come nella prima parte del set i serbi si sono riavvicinati, questa volta hanno addirittura trovato la parità sul 22-22, poi però ai vantaggi Trento, dopo aver annullato quattro palle set al Novi Sad, è riuscito a chiudere sul 31-29 con un muro di Solé su Simic.

Con due set vinti Trento si è assicurata la qualificazione, in virtù della vittoria per 3-1 all’andata in Serbia, e nel terzo parziale Stoytchev ha fatto entrare Giannelli in regia e Burgsthaler al centro al posto di Birarelli. I gialloblù, contro i serbi ormai demotivati, hanno messo da parte un buon bottino di punti e alla seconda pausa obbligatoria erano già sul 16-12. Al rientro in campo si sono spinti fino al +5 (20-15), margine che hanno conservato fino alla fine del set (25-20) e dunque della partita.

Ecco quindi il risultato finale:
Energy T.I. Diatec Trentino – Vojvodina NS Seme Novi Sad 3-0 (25-23, 31-29, 25-20)

Agli ottavi Trento se la vedrà con il Maccabi Tel Aviv che ha eliminato l’OK Mladost BRCKO.

Foto © Lega Volley