UK: oltre sessanta casi di bambini a rischio ignorati dagli assistenti sociali di Haringey

Ricorderete tutti il caso di Baby P, il bambino di 17 mesi morto dopo ben otto mesi di abusi e torture inflittegli dalla madre, dal suo compagno e da un amico di famiglia. Gli assistenti sociali sapevano, ma nessuno era intervenuto. Due membri dello staff, Beverley Laws e Lydia Bartlett, furono sospese, mentre un terzo,


Ricorderete tutti il caso di Baby P, il bambino di 17 mesi morto dopo ben otto mesi di abusi e torture inflittegli dalla madre, dal suo compagno e da un amico di famiglia. Gli assistenti sociali sapevano, ma nessuno era intervenuto.

Due membri dello staff, Beverley Laws e Lydia Bartlett, furono sospese, mentre un terzo, Christine Montack perse il posto. Ora, a distanza di cinque mesi, sono stati fatti dei controlli approfonditi nell’archivio dell’Haringey Safeguarding Children Board ed è emerso che circa 60 casi di bambini “estremamente a rischio” sono stati ignorati dagli assistenti sociali.

Lo staff si limitava ad inserire le segnalazioni nei computer e ad archiviarle, senza effettuare alcun controllo e lasciando decine di bambini in balia di violenze.

Ognuno di questi 60 bambini era un potenziale Baby P. Vivevano in situazioni ad altro rischio eppure nessuno si è preoccupato di far loro una visita, i casi venivano archiviati senza nessuno scrupolo. C’è voluto l’arrivo di un nuovo capo per rimettere le cose a posto. Non sappiao come queste persone potessero tornare a casa la sera sapendo di aver ignoranto il grido disperato di quei poveri bambini.


Le indagini continuano e, come fanno sapere le autorità, verranno presi seri provvedimenti nei confronti dei dipendenti negligenti.

Via | The Sun

I Video di Blogo