Basket Serie A: Sassari in scioltezza su Pesaro, è al comando | Risultati 6.a giornata

La sesta giornata di Serie A si è chiusa con il netto successo di Sassari su Pesaro. I sardi sono in vetta con Reggio Emilia e Venezia, Milano ok nel derby.

Non c’è mai partita nel posticipo della sesta giornata di Serie A: il Banco di Sardegna Sassari domina contro Pesaro e si riprende la vetta della classifica, in coabitazione con Reggio Emilia e Venezia. Rakim Sanders trascina i suoi con 27 punti (5/6 da 2, 4/7 da 3), già avanti di 19 punti dopo appena 14 minuti di gioco. La Consultinvest ci prova a cavallo dell’intervallo lungo, riavvicinandosi a -10, ma non mette mai paura ai sardi, che scappano definitivamente con Devecchi e Sosa, arrivando anche a +30.

Basket Serie A: risultati 6.a giornata

Sabato 15 novembre
Sidigas Avellino-Grissin Bon Reggio Emilia 88-94
Dolomiti Energia Trento-Giorgio Tesi Group Pistoia 86-72

Domenica 16 novembre
Vanoli Cremona-Enel Brindisi 87-72
Granarolo Bologna-Umana Venezia 79-83
Upea Capo d’Orlando-Pasta Reggia Caserta 86-82
Acea Roma-Openjobmetis Varese 87-78
EA7 Emporio Armani Milano-Acqua Vitasnella Cantù 83-64

Lunedì 17 novembre
Banco di Sardegna Sassari-Consultinvest Pesaro 92-64

CLASSIFICA: Reggio Emilia, Venezia, Sassari 10; Cremona, Milano 8; Brindisi, Cantù, Avellino, Trento, Roma 6; Bologna (-2), Varese, Pistoia, Capo d’Orlando 4; Pesaro 2; Caserta 0.

Basket Serie A: Venezia in vetta, Milano ok nel derby

milanocantuad

Milano vince l’atteso derby con Cantù e torna al successo, dopo due sconfitte consecutive. I padroni di casa sono sempre al comando e spaccano la gara nel terzo periodo, con l’ex Ragland e Kleiza, arrivando anche oltre i 20 punti di scarto. L’equilibrio del primo quarto viene spezzato da un 17-4 interno, firmato dalla coppia Gentile-Brooks, per un allungo milanese (28-17 al 13’), ma la formazione di Sacripanti reagisce due volte, prima con un 9-0 e poi con un successivo 8-0, con Jones e Williams a firmare il -1 dell’intervallo lungo.

La squadra di Banchi rientra dagli spogliatoi con una carica decisamente superiore, soprattutto a livello difensivo: solo 9 punti segnati dagli ospiti in un terzo quarto decisivo, con Kleiza e Ragland a segnare a ripetizione dall’arco. Così arriva l’allungo pesante dei campioni d’Italia, che trovano il massimo vantaggio in avvio di ultimo periodo con il canestro da sotto di Samuels (66-45 al 31’). Feldeine prova a ridare un po’ di slancio agli ospiti, ma è ancora il lituano a mettere le triple per mettere la parola fine al confronto.

Venezia passa in rimonta a Bologna e appaia Reggio Emilia in vetta alla classifica, aspettando il posticipo di domani sera tra Sassari e Pesaro. E’ un bel testa a testa quello della Unipol Arena, con un primo tempo molto equilibrato ed una ripresa caratterizzata da continui parziali da una parte e dall’altre. Prima +7 Venezia, poi un 10-0 casalingo, uno 0-7 esterno ed un allungo interno, firmato Fontecchio e Ray, che sembra dare la vittoria ai felsinei. Ma Viggiano riapre la gara dall’arco, Stone firma il sorpasso e Goss chiude dalla lunetta.

Successo in rimonta anche di Roma su Varese. La squadra lombarda scappa nel primo tempo, grazie ad un super Diawara (19 punti e 5/8 dal campo nei primi 10’), ma i capitolini ribaltano tutto nella ripresa, con un parziale di 13-0 ed il sorpasso firmato dall’ex Stipcevic. Poi sono ancora il croato e Morgan a chiudere i conti. Cremona continua il suo ottimo avvio di campionato e conquista la quarta vittoria, dominando la sfida contro Brindisi, con quattro uomini in doppia cifra. Non basta Markovski a Caserta, battuta in volata a Capo d’Orlando e ancora a quota zero.

Foto Alessia Doniselli

Basket Serie A: Reggio Emilia è sola al comando

cinciarinidellavallead

La Grissin Bon Reggio Emilia passa in volata ad Avellino ed è sola al comando della classifica, almeno per una notte, in attesa delle gare di Venezia (a Bologna) e Sassari (in casa con Pesaro). Una bella gara, quella disputata al PalaDelMauro, sempre sul filo dell’equilibrio ed anche ben giocata dalle due squadre. Gli emiliani provano un fuga nel primo tempo, raggiungendo anche il +11 con un grande Polonara, ma la coppia Cavaliero-Anosike firma la rimonta irpina. Si va avanti testa a testa, fino al finale, dove nove punti negli ultimi due minuti di Ksistof Lavrinovic decidono il confronto.

L’altro anticipo è decisamente meno equilibrato e vede il netto successo della neopromossa Trento su Pistoia. La formazione di casa raggiunge immediatamente il +15 nel primo periodo, guidata dagli americani Mitchell, Owens e Grant, e non viene più nemmeno riavvicinata. L’unico lampo toscano è in chiusura di primo tempo, quando Millbourne riporta i suoi a -6, ma i trentini aprono la ripresa con il parziale per andare a +17 e chiudono i conti. Domani prosegue la giornata ed il clou è il derby lombardo Milano-Cantù.

Foto Alessia Doniselli

Basket Serie A: il clou è Milano-Cantù

La sesta giornata di campionato si apre con un doppio anticipo, programmato per questa sera. La gara più interessante si gioca ad Avellino, dove la Sidigas riceve la capolista Reggio Emilia, in una delle gare clou di questo turno. Gli emiliani vogliono riscattare la clamorosa beffa di Eurocup, anche se in Serie A sono reduci dal successo su Milano, mentre gli irpini vogliono la quarta vittoria in fila. La serata a spicchi vedrà di fronte anche Trento e Pistoia, in uno scontro piuttosto significativo per la zona medio-bassa della classifica.

L’Umana Venezia, un’altra tra le capolista, è attesa da un impegno da non sottovalutare a Bologna, contro una formazione esaltata dal successo in volata ottenuto contro Pistoia ed un po’ scossa dal rigetto del ricorso sul -2 di penalizzazione. La classica Roma-Varese vede di fronte due squadre non molto brillanti, con sole due vittorie conquistate, mentre c’è interesse per vedere l’esordio di Zare Markovski sulla panchina del fanalino di coda Caserta, impegnata a Capo d’Orlando. Il programma delle 18.15 è concluso da Cremona-Brindisi.

Il piatto forte della domenica arriverà in serata, quando al Forum di Assago andrà in scena il derby tra Milano e Cantù. Una rivalità sempre accesa, tra due squadre con un avvio di stagione piuttosto altalenante ed un po’ al di sotto delle attese, soprattutto per i campioni d’Italia, reduci dal successo europeo sul Turow, ma anche da due ko in fila in campionato. La chiusura della sesta giornata spetterà alla terza capolista: il posticipo di lunedì tra Sassari e Pesaro vede i sardi nettamente favoriti, nonostante il successo ottenuto dai marchigiani nell’ultimo turno.