Nadal si cura con le cellule staminali a Barcellona

Nadal si sottoporrà a una cura con le cellule staminali per curare il dolore alla schiena

Nadal protagonista delle cronache tennistiche anche quando non gioca. Mentre alcuni degli illustri colleghi sono impegnati alle Atp Finals di Londra, l’iberico è alle prese con riabilitazione e cure mediche.

A una settimana dall’intervento di appendicite, sta facendo parecchio discutere in rete la notizia pubblicata ieri da Marca e ripresa dalle testate di tutto il mondo, secondo la quale Rafa si sottoporrà a una cura con le cellule staminali per debellare il dolore alla schiena. Nadal ha cominciato a soffrirne lo scorso gennaio quando fu costretto a disputare in condizioni menomate la finale dell’Australian Open, persa, con Wawrinka. Da allora, Rafa ha convissuto con il fastidio che, evidentemente, non è passato del tutto. Per questo si è deciso di intervenire drasticamente con un ciclo di cure della durata di 5 settimane che il tennista svolgerà in una clinica di Barcellona.

Nonostante i benefici che l’infusione delle cellule staminali può conferire alla cura di varie patologie, il loro utilizzo è tuttora sperimentale e non ancora standardizzato. Lo staff medico di Nadal sembra comunque fiducioso. Le staminali, se efficaci, possono agevolare la ricostruzione dei tessuti e delle cartilagini che rivestono le ossa e quindi agevolare il recupero di un atleta alle prese, nonostante la giovane età, con un fisico già martoriato.

Inevitabilmente, la cura di Nadal sta già destando qualche sospetto di troppo. Le sue assenze, del resto, non sono mai passate inosservate anche perchè, dopo il rientro, l’ex numero uno del mondo è tornato più forte di prima. Sospetti e chiacchiere che comunque sono sempre rimaste confinate nell’ambito delle illazioni e della futile dietrologia.

Nadal e l’operazione di appendicite

Una settimana fa, Nadal è stato operato di appendicectomia a Barcellona. L’intervento è pienamente riuscito e Rafa è tornato a Mallorca con i familiari e lo staff. Dell’operazione ha parlato, oggi, su As lo zio Toni. Le sue dichiarazione sono state riportate da Tennisworld

Rafa ora sta bene, è normale che abbia un po’ di dolore ma può sopportarlo. Dopo l’operazione, i medici hanno detto che è stato opportuno intervenire, perchè si trattava di una situazione più o meno urgente. A Shanghai i controlli non sono stati chiari e ci avevano detto di rinunciare a giocare per prudenza