Relazione dei servizi segreti in Parlamento: la ‘ndrangheta comanda

Ci siamo appena occupati della relazione della commissione parlamentare antimafia sulla ‘ndrangheta (chi fosse interessato a leggersi le 237 pagine le può trovare al seguente indirizzo) che “eccola di nuovo” come cantava Shel Shapiro dei Rokes in un pezzo degli anni ’60. Anche i servizi segreti, nella relazione presentata al Parlamento, indicano, fra tutte, l’organizzazione

di gaetano

Ci siamo appena occupati della relazione della commissione parlamentare antimafia sulla ‘ndrangheta (chi fosse interessato a leggersi le 237 pagine le può trovare al seguente indirizzo) che “eccola di nuovo” come cantava Shel Shapiro dei Rokes in un pezzo degli anni ’60. Anche i servizi segreti, nella relazione presentata al Parlamento, indicano, fra tutte, l’organizzazione calabrese come la più pericolosa, quella “in grado di esprimere valenza eversiva“.

Tutto questo nonostante negli ultimi tempi le famiglie calabresi abbiano subito duri colpi da parte degli organi investigativi. Eppure sono loro che hanno maggiore capacità di infiltrazione nell’economia legale. Come nella costruzione di strade, basti pensare alla Salerno-Reggio Calabria, infiltrazione nella sanità, di cui il caso Fortugno è solo la punta dell’iceberg, o nel nel turismo piuttosto che nell’agroalimentare (all’ortomercato di Milano di cui abbiamo già trattato). Diversificazione nel mercato legale e inabissamento – come specificato anche nella relazione della Commissione Parlamentare – questi appaiono i punti di forza delle famiglie calabresi, portatrici di modernità nel panorama criminale.

I Video di Blogo.it

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →