Basket NCAA: il sogno di Lauren diventa realtà, il suo canestro fa commuovere gli Usa

La sfortunata ragazza americana malata di cancro terminale è scesa sul parquet per realizzare il suo sogno: giocare nel campionato NCAA. Ed ha segnato anche il primo canestro.

Ne avevamo parlato qualche settimana fa, quando l’NCAA decise di anticipare la partita per permetterle di realizzare il suo sogno: ora Lauren Hill l’ha reso realtà, scendendo in campo la scorsa notte con la sua università di Mount St. Joseph, nella partita con Hiram College. Una gara da brividi, con oltre 10.000 spettatori sugli spalti, per sostenere la sfortunata ragazza americana, a cui sono stati lasciati solo pochi mesi di vita, a causa di un tumore terminale al cervello, impossibile da curare e tra i più letali esistenti.

Lauren non ha mai smesso di lottare, mostrando sempre il sorriso e la gioia di vivere, nonostante la terribile notizia. E, appunto, con la sua grande passione per il basket, dove avrebbe forse potuto costruirsi una carriera importante. Purtroppo non potrà essere così, ma lei non si è arresa ed ora ci sarà anche il suo nome tra gli atleti capaci di scendere sui parquet dei college americani. E’ stato proprio di Lauren il canestro che ha aperto le marcature, con un layup di sinistro, dopo appena 17 secondi dalla palla a due.

Due punti di grande emozione per lei, le sue compagne, il palazzo e tutti gli Stati Uniti, per questa storia straordinaria, seppur senza la possibilità di avere un lieto fine. I canestri sono stati alla fine due, ma di certo non si può raccontare la giornata con il tabellino. “Non avrei mai pensato di poter giocare su un campo da college e sentire le vibrazioni della folla – ha detto, dopo il successo per 66-55 – Quello che è accaduto oggi è incredibile, davvero una bella giornata”. Lo è stata per l’intero mondo del basket e dello sport, non solo americano.