Ucraina: Poroshenko presenta le modifiche alla Costituzione

Poroshenko presenta oggi al Parlamento le modifiche alla Costituzione: ucraino resta lingua ufficiale, maggior potere alle regioni.

Oggi il presidente ucraino Petro Poroshenko presenterà in Parlamento le modifiche alla Costituzione del Paese. Uno degli elementi chiave per tentare di risolvere la situazione nella parte orientale dell’Ucraina. Poroshenko parlerà sicuramente di decentramento, affidando maggior potere alle regioni. Amministrazioni statali, regionali e distrettuale saranno eliminate; i governatori nominati da Kiev guideranno il Comitato esecutivo e i candidati eletti nei consigli locali.

Unica lingua ufficiale sarà l’ucraino. La lingua russa, come qualsiasi altra, “può essere utilizzata nelle comunità locali”. Il piano per la pace, illustrato la settimana scorsa anche al presidente russo Vladimir Putin, è fatto da 14 punti. Poroshenko, ieri, ha espresso apprezzamento per il ritiro da parte del Parlamento russo dell’autorizzazione a ricorrere alla forza in Ucraina.

Le modifiche alla Costituzione che oggi saranno illustrare alla Verchovna Rada (il Parlamento), saranno poi discusse la settimana prossima. Poroshenko ha fatto sapere anche di essere favorevole a nuove trattative con i separatisti filorussi dell’est del Paese per il raggiungimento della pace:

“So che il dialogo con i separatisti viene ricevuto in maniera diversa dalla popolazione, ma è necessario continuare se vogliamo la pace”.

La situazione in Ucraina è comunque ancora confusa. I separatisti hanno accettato la tregua, ma questa scade domani alle 10. Ci sono poche ore per fare decisi passi avanti sulla strada della pace. Altrimenti, le armi ricominceranno a parlare. Nel piano di pace di Poroshenko, ci sono pure il disarmo e l’impunità per i separatisti che non si sono macchiati di gravi reati.

I Video di Blogo

Video inedito del Daily Mail sull’arresto di George Floyd