Basket Eurolega: Sassari dura un tempo, poi Kazan scappa e vince

La Dinamo Sassari gioca bene per i primi 20 minuti, poi viene surclassata nella ripresa dall’Unics Kazan e subisce il terzo stop consecutivo in Eurolega.

Terzo stop su tre partite per Sassari. Dopo aver giocato un ottimo primo tempo, chiuso avanti di due punti, il Banco di Sardegna subisce il parziale decisivo nel terzo periodo e viene battuto per 85-62 dall’Unics Kazan, restando così fanalino di coda del girone di Eurolega. Solo Rakim Sanders riesce ad avere la continuità necessaria per provare a fare il colpo, mentre sono troppi i giocatori sottotono per la squadra di Sacchetti. I russi piazzano cinque uomini in doppia cifra e conquistano il primo successo nella massima competizione continentale.

Eurolega: i risultati della terza giornata

La squadra sarda parte bene e resta a contatto per tutto il primo quarto, pur soffrendo D’Or Fisher, ma l’ingresso di Zisis cambia la partita: l’ex Siena fa girare meglio la propria squadra e su un paio di sue invenzioni i padroni di casa provano a scappare, raggiungendo anche il +9 (25-17 al 13’). Brooks e Dyson trovano i primi lampi, la Dinamo si sblocca finalmente dall’arco e ricuce immediatamente lo strappo, andando all’intervallo lungo addirittura in vantaggio (35-37), grazie proprio ad un canestro pesante messo a segno da Sanders.

Dopo un avvio di ripresa equilibrato, si svegliano gli ex milanesi Langford e Jerrells per l’Unics, dove Kaimakoglu continua ad essere un fattore: così i russi provano un nuovo allungo e salgono in doppia cifra di vantaggio sul 59-48 al 28’. Sassari torna a fare fatica nel trovare il canestro dall’arco, dove il solo Sanders trova continuità, e viene concesso anche qualcosa di troppo a rimbalzo. Cinque punti in fila di Logan riportano i suoi a -7, ma è purtroppo solo un lampo: il Kazan torna padrone del match, chiude i conti con l’antisportivo su Sanikidze e poi dilaga nei minuti finali.