Basket NBA, preview Western Conference: San Antonio e tanto altro

I campioni di San Antonio partono ancora con i favori del pronostico, ma Oklahoma City, Golden State ed LA Clippers sono in agguato.

Da Est ad Ovest. Dopo aver analizzato ieri la Eastern Conference, oggi ci spostiamo dall’altra parte degli Stati Uniti per parlare dell’altra conference, decisamente più competitiva. Da qua arrivano i campioni NBA di San Antonio, che apriranno la nuova stagione questa notte, con il derby texano contro i Dallas Mavericks (diretta Sky Sport 2). Ma non solo i campioni in carica, ci sono tante contendenti alla vetta: dai Thunder di Durant ai Warriors di Curry, per passare dai Clippers della coppia Paul-Griffin.

Northwest Division
Gli Oklahoma City Thunder partono con gli ovvi favori del pronostico, se non altro per la presenza dell’MVP Durant (fuori però per oltre un mese per infortunio), anche se hanno cambiato un po’ alle spalle dei loro leader. Possono dare fastidio i Portland Trail Blazers, con un anno in più di esperienza e con la panchina allungata, mentre un passo più indietro partono i Denver Nuggets del nostro Gallinari. A livello di talento hanno poco da invidiare a molte franchigie, ma tanti giocatori sono reduci da problemi fisici anche gravi. Zero chance di playoff per Minnesota e Utah.

Pacific Division
Una rivalità delle più accese degli ultimi anni si rinnova: Golden State vs Clippers. Da queste due uscirà certamente la vincente divisionale e potrebbe uscire anche una delle finaliste di conference: i Warriors hanno mantenuto quasi intatto il proprio roster, mentre la squadra di Los Angeles ha aggiunto Farmar ed Hawes per tentare la scalata all’anello. Phoenix può sorprendere, con un roster più lungo della sorprendente scorsa stagione, mentre Lakers e Sacramento saranno sul fondo, entrambe in fase di ricostruzione.

Southwest Division
E’ la division più interessante: ovviamente i San Antonio Spurs partono con i favori del pronostico, anche se non sarà per nulla scontata la vittoria. I campioni in carica sono la stessa squadra della passata stagione, con l’aggiunta del nostro Ettore Messina in panchina. Tutte le altre formazioni hanno velleità di playoff: Dallas ha aggiunto Parsons ad una squadra già discreta l’anno scorso, Memphis ha inserito Vince Carter ed ha uno dei migliori lunghi con Marc Gasol, Houston ha sempre la coppia Harden-Howard (anche se non ha trovato il big che cercava) ed una New Orleans vogliosa di sorprendere.

Ultime notizie su NBA - Basket

Tutto su NBA - Basket →