Caduta libera: Alan Eustace, manager di Google, ha battuto il record di Felix Baumgartner (VIDEO)

Eustace si è lanciato da 41 km, due in più dell’austriaco.

In molti ricorderanno l’impresa di Felix Baumgartner, austriaco che due anni fa si lanciò da 38.969,4 metri e, superando la velocità del suono arrivò a una velocità massima di 1.357 km/h. Ebbene quell’impresa fece grande clamore, se ne parlò per giorni (anche perché ci furono vari posticipi a causa delle condizioni meteorologiche) e grazie allo sponsor (la bibita che mette le ali…) tutto il mondo seguì l’evento con il fiato sospeso.

Oggi apprendiamo che il record è stato battuto da un uomo legato a una delle aziende più importanti del mondo, che si è preso un anno sabbatico per prepararsi e che alla veneranda età di 57 anni (Baumgartner ne aveva 43 quando si lanciò) è riuscito a fare meglio dell’austriaco. Si tratta di Alan Eustace, manager di Google (la sua carica è senior Vice President, Knowledge), che ieri si è lanciato dalla stratosfera in caduta libera da 41.419 metri (135.890 piedi), ha infranto la barriera del suono provocando un boato sentito anche dalla terra, ha raggiunto una velocità di 1.321 km/h (quindi meno di Baumgartner) ed è atterrato sano e salvo.

Come l’austriaco, Eustace era appeso a una pallone aerostatico, senza capsula, e quando si è staccato ha percorso in caduta libera 37.616 circa in 4′ 27″, poi ha aperto il paracadute. In totale ci sono volute 2 ore e 7 minuti per salire con il pallone aerostatico vicino alla cuspide della stratosfera a Roswell, nel New Mexico, e quindici minuti per la caduta libera e la planata.
Il volo di Eustace è stato omologato dalla World Air Sports Federation.

Eustace è un paracadutista esperto e un pilota e ha preparato in segreto il lancio per anni, poi nell’ultimo anno si è concentrato solo su questo evento con un gruppo di tecnici, ma senza sponsorizzazioni, perciò nessuno ne sapeva niente fino a stamattina.