Basket Serie A: Sassari riprende Milano in vetta | Risultati 3.a giornata

Sassari e Milano sono sole al comando, dopo la terza giornata di Serie A. I sardi hanno vinto il posticipo contro Brindisi, con 27 di Logan.

Sassari supera Brindisi e riprende Milano in vetta alla classifica, a quota 6 punti ed a punteggio pieno, dopo tre giornate. La formazione sarda ha dominato la prima parte, raggiungendo anche il +22, poi ha subito la rimonta dei pugliesi, che però non sono mai andati più vicini al -3. Decisivo un David Logan spettacolare (27 punti, 5 assist, 5 rimbalzi e 3 recuperi), mentre agli ospiti non bastano i 20 di Denmon.

Foto Alessia Doniselli

Serie A basket: risultati 3.a giornata

Sabato 25 ottobre
Openjobmetis Varese-Grissin Bon Reggio Emilia 112-118 d3ts

Domenica 26 ottobre
Granarolo Bologna-Pasta Reggia Caserta 79-73
Sidigas Avellino-Consultinvest Pesaro 69-60
Upea Capo d’Orlando-Acea Roma 70-73
Giorgio Tesi Group Pistoia-Vanoli Cremona 76-83
Dolomiti Energia Trento-Acqua Vitasnella Cantù 83-71
EA7 Emporio Armani Milano-Umana Reyer Venezia 80-71

Lunedì 27 ottobre
Banco di Sardegna Sassari-Enel Brindisi 87-78 L’approfondimento sulla partita

CLASSIFICA: Milano, Sassari 6; Brindisi, Venezia, Cremona, Reggio Emilia, Roma, Varese 4; Bologna (-2), Trento, Cantù, Pistoia, Avellino 2; Capo d’Orlando, Caserta, Pesaro 0.

Basket Serie A: Milano batte Venezia ed è sola in vetta

milanoveneziaad

Aspettando il posticipo Sassari-Brindisi, Milano è sola in vetta alla classifica, grazie al successo nel big match con Venezia. I padroni di casa prendono subito il comando del confronto, andando con frequenza sotto i tabelloni da un ottimo Samuels, trovando la doppia cifra di vantaggio in chiusura di primo quarto (23-12 al 9’), quando Gentile schiaccia e serve il centro con un assist vincente. I lagunari trovano in Peric e Viggiano gli uomini per riavvicinarsi, mentre i milanesi perdono un po’ di fluidità offensiva: il secondo quarto è comunque un continuo saliscendi, chiuso sul +6 interno.

I campioni d’Italia danno un nuovo scossone al match in avvio di ripresa, quando tengono i lagunari a due punti in 5’ e piazza dieci punti in fila, per arrivare al massimo vantaggio sul 45-31. Il divario si dilata ancora maggiormente e raggiunge i 20 punti di scarto (60-40), in finale di terzo periodo, con i punti di Ragland e Gentile. Sotto i tabelloni torna a fare la voce grossa Samuels, mentre la squadra di Recalcati non riesce mai a trovare lo spunto per rientrare, ‘tradita’ da un Goss impreciso e con Stone a confermare le difficoltà mostrate in questo avvio di stagione.

Continua il momento difficile di Cantù, che paga l’assenza di Feldeine, e cade a Trento: la formazione brianzola, pur quasi sempre sotto nel punteggio, resta a contatto per quasi tre quarti, poi subisce un 13-0 a cavallo dell’ultimo intervallo, con cui la neopromossa piazza la fuga decisiva, con due triple di Spanghero e cinque punti di Pascolo. L’MVP del confronto è però Tony Mitchell, quasi in doppia doppia. Finale in volata a Capo d’Orlando: Roma passa con un parziale di 6-0 nel minuto conclusivo, con il decisivo canestro di De Zeeuw e la precisione dalla lunetta, mentre Archie fallisce la tripla del supplementare.

Tutto facile per Avellino e Bologna. La formazione irpina ottiene il suo primo successo in campionato contro un’arrendevole Pesaro: non c’è mai partita al PalaDelMauro, visto che i padroni di casa vanno già in doppia cifra di vantaggio nel primo periodo e poi non vengono più riavvicinati dagli ospiti. Decisivi Hanga ed il grande ex Anosike. Un po’ più sorprendente il netto successo delle ‘V Nere’, contro una Caserta che non riesce ad ingranare ed a ripetere l’ottimo precampionato. Solo Young ci prova per gli ospiti, ma i felsinei sono sempre in controllo. Colpo esterno di Cremona a Pistoia, con 23 di Hayes e 19 di Campani.

Foto Alessia Doniselli

Basket Serie A: Reggio Emilia passa a Varese dopo 3 OT

dellavallereggioemilia

Tre supplementari servono per risolvere l’anticipo della terza giornata di Serie A: la Grissin Bon Reggio Emilia si impone per 118-112 sul campo dell’Openjobmetis Varese e costringe la squadra di Pozzecco al primo ko della stagione. Una sfida infinita con il tiro da tre protagonista (ben 19 triple a segno per parte) ed un finale deciso da Amedeo Della Valle: l’ex Ohio State mette a segno 32 punti, di cui otto negli ultimi due minuti del terzo supplementare, con tripla e 5/6 dalla lunetta. Cinciarini aveva portato la gara al primo overtime, mentre non bastano Diawara e Rautins ai lombardi.

Il clou della giornata arriverà tra domenica e lunedì sera, mentre nel classico orario delle 18.15 probabilmente la gara più interessante è quella di Trento, dove la neopromossa Aquila affronta una Cantù non brillante, in questo avvio di stagione, e priva di Feldeine. Avellino e Roma cercano il riscatto, dopo le ultime sconfitte, rispettivamente contro Pesaro e Capo d’Orlando, mentre la sfida tra Pistoia e Cremona vede sfidarsi due squadre dello stesso livello, capaci di buone prove nelle prime due uscite di campionato.

Come detto, il meglio arriverà nel finale di giornata, con due scontri al vertice. Domenica alle 20.30 c’è Milano-Venezia: i lombardi devono riscattare il brutto ko interno con il Barcellona ed un avvio non esaltante, mentre i lagunari hanno il morale alle stelle, dopo le due belle vittorie per aprire la stagione. Lunedì sera il posticipo tra Sassari e Brindisi. E’ un po’ una classica dell’ultimo periodo, visto che le due squadre si sono affrontate varie volte, compresi i quarti di finale della passata stagione. Sono entrambe a punteggio pieno e la sfida promette spettacolo.

Foto sito Reggio Emilia