Strage in famiglia a Washington: padre uccide i cinque figli e si toglie la vita

Nuova strage negli Stati Uniti, a poche ore di distanza dalla sparatoria di Pittsburgh, nel corso della quale hanno perso la vita tre agenti di polizia.Questa volta teatro del massacro, avvenuto tra le mura domestica, è stata la cittadina di Graham, nello stato di Washington. Il 34enne James Harrison ha ucciso a colpi di fucile


Nuova strage negli Stati Uniti, a poche ore di distanza dalla sparatoria di Pittsburgh, nel corso della quale hanno perso la vita tre agenti di polizia.

Questa volta teatro del massacro, avvenuto tra le mura domestica, è stata la cittadina di Graham, nello stato di Washington. Il 34enne James Harrison ha ucciso a colpi di fucile i suoi cinque figli di 7, 11, 13, 14 e 16 anni, poi si è allontanato da casa per una cinquantina di chilometri e si è tolto la vita con lo stesso fucile.

All’origine del folle gesto, almeno secondo quanto emerso dai racconti dei vicini di casa, potrebbe esserci una violenta lite con la moglie avvenuta la sera prima. La donna, subito dopo la discussione, se n’era andata di casa lasciando Harrison coi figli.

Non è chiaro se sia stato il timore che la donna non sarebbe più tornata a scatenare il folle gesto o che altro: l’uomo non ha lasciato alcun biglietto e in queste ore le autorità stanno cercando di ricostruire la dinamica del massacro anche grazie alle testimonianze dei numerosi vicini.

Via | King5