Basket Serie A, 2.a giornata: Milano e Sassari soffrono, ma vincono i posticipi

Milano soffre per 35 minuti, prima di imporsi contro la neopromossa Trento. Sassari passa a Pistoia, con la volata vincente di Sosa.

Milano e Sassari rispondono nei posticipi e restano al comando della classifica, appaiando Venezia, Varese e Brindisi. Dopo aver celebrato lo scudetto, con lo stendardo issato sul soffitto del Forum, l’EA7 parte lenta e va sotto con Trento, ma piazza un parziale di 17-2 a cavallo del primo intervallo per il +10 (21-11 all’11’). Però la neopromossa non è venuta in Lombardia per assistere alla passerella degli avversari, così rientra con due triple di Spanghero, respingendo anche il successivo tentativo di allungo milanese firmato Kleiza.

Gli ospiti trovano, sulle ali di un ottimo Mitchell, anche il sorpasso ed un mini allungo, arrivando al +4 a metà terzo periodo. I tricolori percepiscono il pericolo e cambiano la marcia in difesa, iniziando ad asfissiare l’attacco trentino e trovando con Brooks i canestri per ribaltare la gara. Arriva così il parziale di 14-0, con cui l’EA7 ritrova la doppia cifra di vantaggio (56-46 al 26’), per poi mantenerla con il gioco sotto i tabelloni di un Samuels, anche molto preciso dalla lunetta. Trento rientra di nuovo, torna a -1, ma Moss e Ragland piazzano i canestri del definitivo allungo interno.

Nell’altro posticipo, i sardi partono fortissimo, dominando sotto i tabelloni con Lawal, e salgono addirittura sul +13 (4-17), dopo appena 4’, facendo pensare ad una passeggiata di salute. I padroni di casa non concordano e rientrano soprattutto con Cinciarini, piazzando un mega parziale e trovando il sorpasso con la tripla di Williams (30-29 al 17’). Inizia un lungo testa a testa, con tre tentativi di allungo sardi subito respinti: si decide tutto nel finale, quando Sosa è il protagonista dei punti decisivi, mentre prima Johnson spreca e poi Cinciarini non trova il tiro del supplementare sulla sirena.

Foto Alessia Doniselli