Basket: il ct azzurro Pianigiani indagato nell’operazione ‘Time Out’

L’Operazione Time Out prosegue e porta nuove ombre sul basket italiano: ora si è fatto il nome del ct Simone Pianigiani, indagato per evasione fiscale.

Una nuova ombra si affaccia sul basket italiano e coinvolge il ct azzurro Simone Pianigiani. Secondo quanto riporta il quotidiano ‘La Nazione’, infatti, il tecnico dell’Italia è stato iscritto nel registro degli indagati nell’ambito dell’operazione ‘Time Out’, la stessa che aveva portato agli arresti domiciliari (poi revocati) dell’ex presidente senese Ferdinando Minucci e portato al fallimento della Mens Sana Siena per bancarotta fraudolenta, ora ripartita dalla Serie B con una nuova società, denominata Mens Sana 1871.

A Pianigiani viene contestato il reato di evasione fiscale, per aver percepito soldi in nero dal club toscano, oltre al regolare stipendio da allenatore, e la sua casa sarebbe stata perquisita nella mattinata di giovedì, assieme all’altro iscritto nel registro, il giornalista Stefano Bisi. L’attuale commissario tecnico è rimasto seduto sulla panchina della Montepaschi dal 2006 al 2012, conquistando sei scudetti, quattro Coppe Italia e cinque Supercoppe italiane, dopo aver militato nel club anche negli anni precedenti tra giovanili e vice allenatore.

Dal 2009, invece, Pianigiani è il ct della Nazionale italiana, prima part-time con Siena e Fenerbahce, poi a tempo pieno dalla fine dell’esperienza turca. Questo atto della Procura toscana non implica una colpevolezza, un indagato è innocente fino a prova contraria, ma pone qualche dubbio sul futuro sulla panchina azzurra, in vista del prossimo Eurobasket 2015. Cosa farà lo stesso ct e la Federazione? La Fip ha rilasciato un comunicato in cui “confermando piena fiducia nell’operato della Magistratura ed auspicando una rapida soluzione della vicenda, comunica che essa sarà accuratamente monitorata“.

I Video di Blogo

21/06/2014 – CGIA: NESSUN BENEFICIO DAL “TAGLIA BOLLETTE”