Giro di Pechino 2014: a Modolo l’ultima tappa a Gilbert la classifica generale (VIDEO)

Il corridore della Lampre-Merida ha chiuso con un successo una stagione complicata da infortuni e cadute.

Sacha Modolo è tornato alla vittoria oggi nell’ultima tappa del Giro di Pechino 2014, una passerella di poco più di due ore e mezza che ha concluso la breve corsa a tappe che dall’anno prossimo non sarà più nel calendario UCI World Tour e molto probabilmente non dispiacerà a nessuno, visti i problemi dati ai corridori, alcuni mai visti prima (tappe accorciate per lo smog!).

Il corridore della Lampre-Merida non vinceva una corsa dallo scorso 18 giugno e quasi quattro mesi per uno come lui sono tanti soprattutto perché nel frattempo sono arrivati ritiri forzati a causa di cadute e infortuni anche in competizioni importanti (basti pensare al Tour de France interrotto già alla seconda tappa). Questa vittoria gli permette di cominciare a pensare alla prossima stagione con ottimismo. A Pechino qualche giorno fa era arrivato quarto nella prima tappa, oggi, invece, non si è fatto fregare da nessuno e, dopo aver sfruttato il lavoro della Belkin per Moreno Hofland, pur essendo partito per la volata finale abbastanza in anticipo è riuscito a resistere in testa e a lasciarsi alle spalle il 38enne neozelandese Greg Henderson della Lotto-Belisol e il 27enne norvegese Edvald Boasson Hagen del Team Sky, che hanno chiuso rispettivamente al secondo e terzo posto. Nella top-ten della tappa odierna troviamo anche un altro italiano, Davide Appollonio dell’Ag2r La Mondiale.

La tappa odierna, completamente piatta, non presentava insidie, anche se la fuga di Laurent Mangel della FDJ e Tosh Van der Sande della Lotto-Belisol stava quasi andando in porto, tanto che il gruppo li ha ripresi solo all’ultimo chilometro. La classifica generale è dunque rimasta com’era dopo la tappa regina di ieri, con Philippe Gilbert della BMC che si aggiudica la vittoria finale con 3″ di vantaggio su Daniel Martin della Garmin-Sharp e 9″ sul giovane colombiano Esteban Chaves dell’Orica GreenEdge di cui sicuramente si sentirà parlare sempre di più in futuro anche in ottica grandi gigi. Il primo italiano nella classifica finale è Rinaldo Nocentini, il 37enne dell’Ag2r La Mondiale che ha concluso egregiamente questa stagione.

Ecco i primi dieci al traguardo della quinta e ultima tappa (tutti con lo stesso tempo):

    1) Sacha Modolo (Lampre-Merida) 2h 40′ 10″
    2) Gregory Henderson (Lotto-Belisol)
    3) Edvald Boasson Hagen (Sky)
    4) Tyler Farrar (Garmin-Sharp)
    5) Moreno Hofland (Belkin)
    6) Luka Mezgec (Giant-Shimano)
    7) Davide Appollonio (Ag2r La Mondiale)
    8) Ben Swift (Sky)
    9) Caleb Ewan (Orica GreenEdge)
    10) Enrique Sanz (Movistar)

E queste le prime posizioni della classifica generale finale:

    1) Philippe Gilbert (BMC) 17h 59″ 57
    2) Daniel Martin (Garmin-Sharp) +3″
    3) Johan Esteban Chaves Rubio (Orica GreenEdge) +9″
    4) Alberto Rui Costa (Lampre-Merida) +11″
    5) Sergei Chernetckii (Katusha) +23″
    6) Warren Barguil (Giant-Shimano) +23″
    7) Julian Arredondo (Trek) +23″
    8) Rinaldo Nocentini (Ag2r La Mondiale) +23″
    9) Rigoberto Uran (Omega Pharma-Quick Step) +23″
    10) Mikael Cherel (Ag2r La Mondiale) +23″