Mondiali di Volley: l’Italia pazza per le azzurre. Fiorello: “Meriterebbero Raiuno”. E Roberta Vinci scrive a Vale Arrighetti

Sui social impazza la volleymania e #ItaliaUsa è stato al numero uno dei trend topic su Twitter.

[blogo-video provider_video_id=”qUNqiFjSI-0″ provider=”youtube” title=”Cardullo, Piccinini e Rondon ad “Edicola Fiore”” thumb=”” url=”http://www.youtube.com/watch?v=qUNqiFjSI-0″]

Chi è abituato a seguire il volley tutto l’anno, ogni giorno, è anche abituato a… diciamolo con la parola giusta… “rosicare” perché è costretto a subire prime pagine dei giornali sportivi e titoli dei tg dedicati solo a calcio e motori, anche quando per il calcio c’è stata solo un’inutile amichevole estiva mentre la nazionale di volley nel frattempo ha giocato una partita di World League (i maschi) o del World Grand Prix (le femmine). Poi finalmente arriva un Mondiale in casa, arriva una squadra bella, vincente, da sogno, sulla carta sfavorita rispetto alle avversarie, ma che con il suo gioco riesce ad arrivare fino alla fase finale. E arriva giustamente l’attenzione dei media main stream. Le ragazze del volley in questi giorni le troviamo ovunque, sulle prime pagine dei giornali, nei servizi dei telegiornali, alla radio, se ne interessa la politica, se ne interessa il mondo dello spettacolo. Gli appassionati di sempre non credono ai loro occhi e alle loro orecchie e allo stesso tempo, diciamocelo, sperano che tutta questa attenzione non porti “sfiga”, perché chi ama il volley soffre per ogni pallone, anche se questa nazionale finora ha giocato talmente bene che di momenti difficili ne ha vissuti ancora pochi, è riuscita a liquidare con una facilità inaspettata anche squadre come il Giappone, la Cina, poi addirittura gli Usa.

E a proposito di Stati Uniti, durante il match di stasera #ItaliaUsa è diventato trend topic su Twitter, un traguardo da non sottovalutare, qualcosa a cui davvero i pallavolisti (purtroppo) non sono abituati.
E le azzurre possono contare su dei tifosi d’eccezione. Una delle più scatenate è Roberta Vinci, la tennista che a vincere è abituata, tanto da aver completato il Career Grand Slam nel doppio con Sara Errani. La tarantina segue ogni partita con entusiasmo e condivide la sua passione su Twitter

ma non solo, perché Roberta ha anche scritto in privato a uno dei volti più amati della nazionale di volley, Valentina Arrighetti, colei che attrae più sponsor e che conquista le copertine non solo per la sua evidente bellezza, ma anche perché con la sua grinta è una delle migliori rappresentanti del carattere di questa squadra. Proprio Piske ha pubblicato sulla sua pagina ufficiale Facebook i messaggi che Roberta Vinci le ha scritto in privato, proprio perché la stima reciproca rende i complimenti della tennista particolarmente graditi dalla pallavolista.

E la stessa Vinci re-twitta il messaggio di un personaggio amatissimo dal pubblico televisivo, Fiorello, che giustamente vorrebbe che le partite delle azzurre venissero trasmesse su RaiUno come quelle dei calciatori. E badate bene che Fiorello non è un tifoso dell’ultima ora, ma ha dato spazio al volley e al beach volley proprio su Raiuno, quando conduceva Il più grande spettacolo dopo il weekend, già nel 2011, quando le ragazze della pallavolo conquistarono la Coppa del Mondo e quelle del beach (Greta Cicoalri e Marta Menegatti) vinsero gli Europei. E quest’anno, già molti mesi prima del Mondiale (circa sette mesi fa) ha ospitato le azzurre del volley nella sua trasmissione Edicola Fiore (video in alto).

A chi si sta avvicinando al volley in questo periodo, grazie ai Mondiali e grazie alle azzurre di Marco Bonitta, dobbiamo ricordare una cosa: Valentina Arrighetti e Francesca Ferretti, per esempio, vanno a giocare a Baku, in Azerbaijan, Centoni, Lo Bianco e Costagrande giocano all’estero da anni, molte squadre di Serie A negli ultimi anni sono spariti a causa della crisi economica, anche club gloriosi come Treviso nel campionato maschile e Pesaro in quello femminile. Addirittura a Modena, città italiana del volley per eccellenza, ci sono stati gravi problemi. Insomma, il volley è uno sport in crisi e nonostante questo le squadre italiane sono tra le più forti in Europa. L’anno scorso, per la prima volta dopo tantissimo tempo, non ci sono stati club del nostro Paese nella fase finale di Champions League né al maschile né al femminile, mentre solo fino a un paio d’anni prima tutte le coppe europee erano state conquistate da squadre italiane. Insomma, il compito della Federazione adesso è quello di sfruttare questo momento per far capire a tutti che il volley esiste sempre, tutto l’anno, ed è sempre bello e spettacolare come lo è in questi giorni. Come dice il ct Bonitta, la nazionale in questi giorni sta davvero unendo l’Italia, da Roma a Bari fino a Milano, adesso l’Italia si unisca attorno alla pallavolo, perché ne vale davvero la pena, è uno sport in cui le nostre squadre eccellono per davvero, non come in altri sport in cui non si raggiungono traguardi importanti da anni. E tra l’altro è uno degli sport più amati e praticati dai giovanissimi e soprattutto dalle ragazze, è uno sport in cui non esiste il doping (non servirebbe proprio a nulla), non esistono scommesse, non esiste violenza nei palazzetti (che infatti sono sempre pieni di famiglie anche con bambini piccolissimi), esiste invece la moviola in campo che risolve grandi problemi in pochi secondi.

Intanto queste grandi atlete stanno dando una straordinaria dimostrazione di umiltà e di determinazione, non esistono primedonne e la capitana Piccinini accetta la panchina come le ventenni, poi entra e decide un set. È l’Italia delle 14 titolari, ma forse anche di più, perché fuori dal campo ci sono le ex campionesse del mondo come Sara Anzanello, come Paola Paggi, come Tai Agüero (anche se lei due mondiali li ha vinti con Cuba), che sono sempre con le azzurre a tifare.

Caricamento

#conleazzurre Italia usa 2-0 @paggisan @racu7

Vedi su Instagram

Italia vittoriosa contro gli Stati Uniti ai Mondiali di Volley

Foto © FIVB

Ultime notizie su Mondiali Volley

Tutto su Mondiali Volley →