Vela | Maserati di Soldini rimanda ancora la partenza della New York-Capo Lizard

E’ il momento giusto per la partenza di Maserati?

di antonio

Aggiornamento – Maserati ha deciso di attendere ancora qualche giorno. E’ lo stesso Soldini a comunicarlo sul sito ufficiale:

[Dopo lunghe consultazioni, l’equipaggio di Maserati ha deciso di rimandare la partenza da New York alla volta di Lizard Point (UK) per tentare di battere il record del nord Atlantico. “Peccato, siamo tutti a New York molto carichi e pronti a partire ma la finestra meteo che abbiamo davanti è troppo stretta e troppo alto il rischio di rimanere senza vento”, spiega Giovanni Soldini. Aggiunge Boris Herrmann, navigatore di Maserati: “Nonostante per la partenza siano previsti venti giusti, stamattina (ora locale) abbiamo deciso di rinunciare. La situazione meteo sarebbe stata favorevole per le prime 36 ore, poi ci saremmo ritrovati a Terranova con venti troppo leggeri, dovuti a una zona di alta pressione. Avremmo potuto partire comunque, sperando in un repentino cambiamento di questa situazione incerta ma preferiamo aspettare un’occasione migliore. Il problema consiste in una serie di basse pressioni che stanno mettendo sottosopra l’Atlantico, con onde talmente alte da rendere il passaggio impossibile. Ora stiamo tenendo d’occhio la notte del 9 ottobre che potrebbe permetterci di partire prima di questi sistemi di bassa pressione”.]

Nel pomeriggio di domani (ora di New York) potrebbe iniziare una nuova sfida per Maserati e Giovanni Soldini a nove mesi di distanza dal record della Cape2Rio. Sulla costa atlantica degli Stati Unit è in arrivo infatti una perturbazione che darà forti venti di sud, sud-ovest sulla partenza. Lo skipper italiano e l’equipaggio del VOR 70 (otto persone) attendono da mesi a New York la finestra meteo ideale per affrontare le 2925 miglia che li separano da Lizard Point, la punta occidentale più a sud della Gran Bretagna. L’obiettivo di Soldini è battere il record di traversata atlantica da ovest a est.

Il primato è di Mari Cha IV, un maxi schooner di 140 piedi dell’americano Robert Miller progettato appositamente per questo tipo di traversate, che tra il 2 e il 9 ottobre 2003, con a bordo 23 uomini di equipaggio, ha percorso la rotta in 6 giorni, 17 ore, 52 minuti e 39 secondi. Giovanni Soldini e un team di sette persone a bordo di Maserati hanno tentato nel maggio del 2012 di infrangere il record NY-Lizard Point, ma il tentativo sfumò per le avverse condizioni meteorologiche.

Domani potrebbe essere la volta buona, anche se le previsioni meteo sono discordanti. Secondo il modello meteo europeo le condizioni in centro Atlantico saranno buone per battere il record (Maserati dovrebbe riuscire a stare davanti al fronte freddo che si muove lentamente e a mantenere una media di avvicinamento superiore ai 19 nodi), secondo il modello americano invece il fronte sarà troppo veloce e supererà Maserati, lasciando la barca con poco vento.

Le impressioni di Giovanni Soldini a poche ore dalla possibile partenza:

“Dopo quattro mesi di attesa a New York, possiamo dire che questo è stato un anno molto particolare dal punto di vista meteorologico. Ad oggi abbiamo avuto poche possibilità di partire, e nessuna delle occasioni che abbiamo guardato da vicino si è poi rivelata un’occasione persa. A questo punto il tempo stringe. Il tempo che abbiamo a disposizione per cercare di battere il record del nord Atlantico è agli sgoccioli. Il rischio di perdere le ultime occasioni possibili, e quindi di non riuscire a fare neanche un tentativo, comincia a essere alto. La partenza di domani, martedì 7 ottobre, è sicuramente buona per le prime 48 ore ma per il resto del percorso ci lascia un alto grado di incertezza. Valuteremo fino alle ultime ore se è il caso di fare questo tentativo o di attendere un’occasione migliore nei prossimi giorni”.