Josef Fritzl: la polizia sospetta che abbia ucciso quattro donne dal 1966 ad oggi

Potrebbe ancora non essere finita per Josef Fritzl, il mostro di Amstetten condannato all’ergastolo due giorni fa per omicidio colposo, riduzione in schiavitù, segregazione, stupro, incesto e gravi minacce.Secondo quanto ha rivelato il capo della Polizia Alois Lissl, si starebbe indagando su quattro casi di omicidi e sparizioni, al momento irrisolti, avvenuti nel corso di


Potrebbe ancora non essere finita per Josef Fritzl, il mostro di Amstetten condannato all’ergastolo due giorni fa per omicidio colposo, riduzione in schiavitù, segregazione, stupro, incesto e gravi minacce.

Secondo quanto ha rivelato il capo della Polizia Alois Lissl, si starebbe indagando su quattro casi di omicidi e sparizioni, al momento irrisolti, avvenuti nel corso di 40 anni e che potrebbero essere collegati al 74enne austriaco.

Nel 1966 la 17enne Anna Neumayer fu uccisa a colpi d’arma da fuoco a pochi passi dal luogo di lavoro di Josef Fritzl, vent’anni dopo un’altra diciassettenne, Martina Posch, fu violentata, strangolata e gettata in un lago poco distante dalla casa affittata quell’estate da Fritzl e consorte.

«È veramente sorprendente vedere come Martina ricordasse la figlia di Fritzl, una somiglianza veramente incredibile»

Nel 2006 Julia Kuehrer, 16 anni, è scomparsa a pochi passi dalla casa degli orrori di Amstetten e l’anno successivo a prostituta 20enne Gabriele Superkova è stata uccisa e gettata in un lago a pochi passi dal luogo in cui Fritzl stava trascorrendo le vacanze.

Le indagini continuano e allo stato attuale Fritzl resterà in carcere almeno per altri 15 anni. Poi bisognerà stabilire se costituirà ancora un pericolo per la società e decidere quindi se rilasciarlo o meno.

Via | News.com.au

Ultime notizie su Josef: il diavolo di amsetten

Tutto su Josef: il diavolo di amsetten →