I sondaggi clandestini sulle Elezioni Europee 2014: ultima corsa

Elezioni europee 2014: il grande ritorno dei sondaggi clandestini.

    Lo speciale di Polisblog sulle Elezioni Europee 2014

    SEGUI IL VOTO ALLE EUROPEE 2014 IN DIRETTA
    SONDAGGI
    AFFLUENZA
    RISULTATI

25 maggio 2014: urne aperte, e ieri sera è arrivato l’ultimo “bollettino” delle “corse clandestine” su notapolitica. Eccolo qua:

«Fan Idòle, come previsto, parte subito in testa. E il suo loquace fantino Fan Faròn lo porta alla vittoria con un discreto 32″ netti. Il vero problema per il cavallo di razza schulz è che appena un paio di settimane fa, allo stesso ippodromo, riusciva a fermare il cronometro intorno ai 35″. E non si tratta di un calo da sottovalutare in vista del Grand Prix d’Europa di domani. Chi, al contrario, migliora sensibilmente la propria performance sul tracciato della Baguette è Igor Brick, che chiude in 26″ senza mai realmente impensierire Fan Idòle ma dimostrando uno stato di forma invidiabile.

Resta inchiodato sul gradino più basso del podio, fermo a 18″, l’ex campione nazionale Varenne. Si è detto e scritto molto delle disavventure di Burlesque a Château de Boscòn. Non saremo noi a spargere altro sale sulle sue ferite.

Alle spalle del terzetto di testa si piazza il nordico Groom de Bootz (5,5″), con un vantaggio piuttosto netto sul centrista Ipson de Scipiòn, segnalato in vistoso calo, che chiude in 4,5″ e riesce solo per un soffio a superare l’ostacolo di sbarramento che consente di partecipare alla distribuzione dei sacchi di biada messi in palio a Bruxelles e Strasburgo.

Fuori dal banchetto europeo, invece, Frerès Tricòlor (3.5″) e Generàl de Ematopulòs (3,1″), in flessione rispetto ai risultati di qualche settimana fa. Inchiodato al 2″, infine, il cavallo di Ipson de la Boccòn e Petit Jean. Dopo il GP di domenica, si mormora tra gli insider, tira aria di resa dei conti nella scuderia meticcia temporaneamente guidata da un improbabile fantino belga».

Corse clandestine, 24 maggio 2014

Prosegue la pubblicazione dei sondaggi, sotto forma di corse clandestine di cavalli su notapolitica.it. Quelli di oggi, ultimo giorno prima del voto, raccontano uno scenario piuttosto sorprendente, con due cavalli che corrono appaiati e si contendono la vittoria finale sul filo di lana.

«In questo ippodromo, che non pare particolarmente favorevole a nessuno, Fan Idòle e Igor Brick arrivano praticamente appaiati. Vince il purosangue di razza schulz guidato dal prode Fan Faròn con 31” e sul rettilineo di arrivo stacca di pochissimo il pentastellato Igor Brick che ferma il cronometro a 30 secondi netti.

Dietro, molto affaticato, arriva l’azzurro Varenne: 16,5″ per lui e uno dei peggiori tempi della stagione. Le ragioni? In parte Burlesque rintanato sempre a Château de Boscòn, in parte un travaso di tifosi dalla scuderia brianzola a quella pentastellata. Vanno un po’ meglio le cose per il filo-governativo Ipson de Scipiòn che qui chiude il miglio in 6″ netti e supera di slancio il nordico Groom de Bootz (5″) nella sfida per il quarto posto.

Sotto il tempo limite dei 4″ tutti gli altri: sia Frerès Tricolòr (3,5″) che General de Etomatoupoulòs (3,3″) non riescono a superare l’ostacolo di sbarramento. Del simpatico fantino belga, ormai, si è persa ogni traccia».

I sondaggi clandestini sulle elezioni europee del 23 maggio

I nuovi sondaggi clandestini sulle elezioni europee 2014 mostrano una situazione che si va ormai consolidando: seguendo la metafora ippica di Nota Politica diciamo che il fantino di Firenze (Fan Faròn che guida Fan Idole) è ancora in vantaggio sul fantino genovese (Igor Brick), ma un vantaggio che si va riducendo giro dopo giro. Quella che era una corsa a tre è ormai diventata una corsa a due, in cui il fantino di Milano e Brianza (Burlesque alla guida di Varenne) continua a perdere colpi.

Fan Faròn, in sella al fidato Fan Idòle, parte forte come al solito. E malgrado il terreno sfavorevole conduce comodamente per tutto il primo giro. Alle spalle del cavallo di razza schulz, recupera ben presto terreno Igor Brick, che il brizzolato fantino genovese riesce – con un sapiente uso delle redini – a tenere lontano dagli eccessi di foga che spesso lo portano a imbizzarrirsi. Sul rettilineo d’arrivo i due cavalli sono praticamente sulla stessa linea. Al fotofinish la spunta Fan Idòle in 30″ netti, mentre Igor Brick chiude in 28″. Una vittoria, quella del cavallo condotto da Fan Faròn, che lascia un po’ con l’amaro in bocca i tifosi della sua scuderia. Mentre sugli spalti gli appassionati di Igor Brick festeggiano come di fronte a una vittoria. E forse non hanno tutti i torti. A complicare la giornata della scuderia Fan Idòle ci si mette anche Varenne che, pur non brillando come ai bei tempi, mette a segno un più che dignitoso 21″ che rappresenta il suo miglior risultato in questa complicata stagione di corse clandestine. Alla fine della gara, da Château de Boscòn, arriva perfino una videotelefonata di congratulazioni alla scuderia da parte di Burlesque.

Supererebbero i fondamentali 4 soltanto i fantini padani e quelli armati di scudo crociato.

I sondaggi clandestini sulle elezioni europee del 22 maggio

I sondaggi clandestini sulle elezioni europee 2014 continuano a imperversare anche in questi ultimissimi giorni di campagna elettorale. E va detto che i dati sono anche tra loro parecchio diversi, il che potrebbe significare che i vari esperti non hanno le idee poi così chiare su chi sarà il vero vincitore della corsa. Vediamo allora i fantini più in forma, ricordando che Fan Faron della scuderia Fan Idole è di provenienza fiorentina, Igor Brick è di quel di Genova e Varenne, l’ormai anziano fuoriclasse, è stato allevato tra Milano e la Brianza. I dati in questo caso sono di Nota Politica

L’onnipresente Fan Faròn spinge subito Fan Idòle su ritmi che neppure il fondatore della scuderia aveva mai raggiunto. Il rallentamento in dirittura d’arrivo è quasi fisiologico, insomma. E il tempo di 34,5″, anche se leggermente inferiore a quello fatto registrare una settimana fa, resta da record. Alle spalle di Fan Idòle, Igor Brick tenta la clamorosa rimonta ma senza troppa convinzione. Il cavallo pentastellato sa benissimo che all’Ippodromo San Giuliano non ha alcuna chance di vittoria, così dopo il primo giro si limita a controllare la situazione per portare a casa la medaglia d’argento. Igor Brick chiude comunque in 25,5″, un secondo netto meglio rispetto all’ultima corsa in terra giuliana.

Ancora molto ampio quindi il distacco per il fantino fiorentino, molto più di quanto si sia detto in questi ultimi giorni. E Varenne? Non se la passa bene, ma meno peggio delle previsione più fosche, che prevedono un risultato tale da causare la disfatta dell’intera scuderia.

Terzo, con un passo standard per questa stagione, si piazza Varenne. Il purosangue azzurro soffre ormai da tempo della cronica assenza del suo fantino più decorato, Burlesque, che è stato costretto all’esilio in quel di Château de Boscòn da una contestatissima decisione dei giudici di gara. Senza Burlesque, Varenne ferma i cronometri in 18″: un tempo mediocre, leggermente inferiore a quello della scorsa settimana, ma che gli consentirà comunque di far pesare i suoi sacchi di biada alle assemblee della Federazione Ippica Europea. Fuori dal podio, ma oltre l’ostacolo di sbarramento, ci sono il nordico Groom de Bootz (5,5″) e l’iper-governativo Ipson de Scipiòn (5″). Anche per loro arrivano i sacchi di biada da Bruxelles e Strasburgo.

Per gli altri, invece, niente accesso al gran premio.

I sondaggi clandestini sulle elezioni europee 2014 del 20 maggio

I sondaggi clandestini sulle elezioni europee 2014 continuano a monitorare una situazione che si fa sempre più tesa, soprattutto vista l’operazione sorpasso messa in piedi dai pentastellati. Sorpasso che ancora non c’è stato, ma che sembra sempre più vicino ogni giorno che passa, come spiega YouTrend con le sue “voci dal consistoro”:

Il giovane e impetuoso cardinale fiorentino (…) è ancora in testa, ma non sembra in grado di coagulare intorno a sé il consenso di cui altri vaticanisti lo accreditavano fino a pochi giorni fa (…). Si ferma infatti a 32 vescovi (…). Subito alle sue spalle, non accenna a scemare il fiato sul collo dell’esuberante camerlengo di Genova, sospinto dal crescente sostegno dei fedeli che affollano le processioni nelle maggiori piazze italiane: secondo il vaticanista di cui si sono stati riferiti i conteggi, i vescovi pronti ad appoggiare il porporato dallo stemma episcopale a cinque stelle sarebbero ben 29, quattro in più di quelli che gli avevano assicurato il proprio voto al Conclave di febbraio 2013. Soffre la competizione l’anziano prelato pelato di Monza e Brianza, indebolito – come è noto – dalla sentenza della Sacra Rota che gli impone di prestare opere di bene presso una comunità del Milanese, che scende a 17 vescovi netti.

Supererebbero la “soglia scomunica” di 4 vescovi anche i prelati padani e quelli dello “stempiato arcivescovo di Agrigento”.

I sondaggi clandestini del 19 maggio

Ogni giorno che passa arriva una conferma: queste elezioni europee 2014 potrebbe portare con loro una grandissima sorpresa, un sorpasso dell’ultimo minuto che stravolgerebbe gli equilibri della politica italiana. E poco importa che si tratti di europee, visto che tutto è stato impostato fin dall’inizio come un referendum sul governo. Le ultime novità arrivano dai sondaggi clandestini di Nota Politica. Per capirci qualcosa di più, ricordiamo che Igor Brick è il cappelluto fantino di Genova, Fan Faron è il fantino fiorentino alla guida del cavallo Fan Idole e che Varenne proviene invece dalle zone di Milano e Brianza.

Igor Brick sarebbe avanti con un tempo medio di 28,9”, davanti di soli 4 decimi a Fan Idòle. Staccatissimi tutti gli altri: Varenne attorno ai 17”, Ipson de Scipiòn e Groom de Bootz appaiati a 5,5” e dietro grande bagarre con – clamoroso al Cibali! – sia Frerès Tricolòr che General de Ematomatopoulòs capaci di andare oltre la soglia limite dei 4”. Sempre ultima – e staccatissima – la joint venture tra i superstiti di Petit Jean e quelli di Ipson de la Boccòn.
UPDATE. Un’altra fonte, questa volta vicina alla scuderia di Fan Idòle, ci conferma che in una corsa segretissima organizzata per testare la resistenza di Fan Marìn (qui il Gran Prix d’Europa non c’entra, parliamo di gare locali), i cavalli della scuderia di Igor Brick viaggiano generalmente molto più veloci di quelli appartenenti alla scuderia guidata da Fan Faròn. La distanza – abissale – sarebbe stimata nell’ordine delle 6 lunghezze.

Soglia di sbarramento invece superato dai cavalli di razza padana e di quello che si rifanno allo stile greco. Non rimangono speranze per gli altri.

I sondaggi clandestini sulle Elezioni Europee 2014 del 16 maggio

I sondaggi clandestini continuano a far discutere, tra corse al galoppo e concistori di cardinali le ultime voci raccolte sono interpretabili con un ultimo giro in vista del Gran Premio d’Europa che potrebbe riservare qualche sorpresa.

Quella che possiamo raccontarvi, però, è la cronaca di una gara combattutissima, in cui il favorito Fan Idòle – guidato dall’iperattivo Fan Faròn – si è imposto soltanto al fotofinish sul rivale Igor Brick. Il cavallo di razza Schulz parte molto veloce, ma perde un po’ di smalto nell’ultimo giro chiudendo in 31″ e rintuzzando solo d’un soffio la rimonta dello scatenato puledro pentastellato, che ferma il cronometro sui 29″. A dieci lunghezze di distanza, in 19″, si piazza l’immortale Varenne, che si conferma terza forza dell’ippica italiana malgrado la latitanza forzata di Burlesque. Dietro di lui, in 5″ netti, arriva il filo-governativo Ipson de Scipiòn che, grazie all’alleanza con Ipson de Mormal, riesce a superare di slancio l’ostacolo di sbarramento.

A voi l’interpretazione, fermo restando che Fan Fàron è un fantino toscano, Igor Brick è stato invece allevato a Genova e Varenne ha natali milanesi, anche se attualmente la sua stalla si trova in Brianza. Ci sono però anche alcuni concistori cardinalizi in corso. I numeri, in questo caso, provengono da Gilda Sleri, una delle sondaggiste più apprezzate da un certo cardinale brianzolo (e che forse tutti quanti dovrebbero imparare ad apprezzare di più).

Ma veniamo ai conteggi, che risalgono ai primi giorni della settimana: le truppe del giovane e iperattivo cardinale di Firenze sarebbero in difficoltà, non riuscendo a radunare più di 29 vescovi – una manciata in più di quelli convinti un anno fa dal bonario cardinale di Piacenza, ma parecchi meno dei 33 (a cui andrebbero aggiunti, per completezza, 2 diaconi) ottenuti nel Conclave generale del 2008. E però quel che più preoccupa il fronte progressista è il crescente sostegno allo schieramento capeggiato dal riccioluto camerlengo di Genova, che salirebbe addirittura rispetto alle votazioni dello scorso anno, arrivando a quota 26 vescovi. Staccato, ma non poi di molte lunghezze, il tenace prelato pelato di Monza e Brianza, che pur indebolito nell’attività pastorale dalla sentenza della Sacra Rota che gli prescrive di prestare opere di bene in comunità supererebbe la soglia psicologica dei 20 vescovi, portandone a casa 21.

I sondaggi clandestini del 14 maggio

Lo stop ai sondaggi negli ultimi 15 giorni di campagna elettorale per le elezioni europee 2014 ha portato con sé qualche sondaggio bufala di troppo, ma soprattutto porta con sé gli ormai tradizionali sondaggi clandestini a opera di Nota Politica. La corsa dei nostri fantini, in vista del Grand Prix d’Europa del 25 maggio, si tiene all’Ippodromo de L’Oreal davanti a circa 1500 spettatori.

Primo sul traguardo, ancora una volta, il favoritissimo Fan Idòle, guidato dal chiacchierone Fan Faròn che – mostrando spavaldamente 80 euro agli spettatori (netti o lordi?) – taglia il traguardo in 34”. Staccato di ben dieci lunghezze c’è il pentastellato Igor Brick: 24″ per lui e seconda piazza saldamente in pugno. Ma il sogno della vittoria, a lungo inseguita dall’eclettico fantino ligure, gli sfugge ancora una volta.

Le corse clandestine confermano quindi quanto si era visto negli ultimi giorni, e anzi i pentastellati sembrano anche cedere qualcosa, mentre l’uomo degli 80 euro e i suoi seguaci sembrano essere ancora ai loro massimi storici. E gli altri?

Terzo gradino del podio per Varenne che, con Burlesque troppo impegnato ad occuparsi dei purosangue ormai in pensione in quel di Château de Boscòn, non va oltre i 19″, in leggero calo rispetto alle ultime prestazioni su questo tracciato.

Il che significa che il purosangue ormai un po’ invecchiato potrebbe fallire quella che è la missione che si è dato, e cioè non restare al di sotto del 20%. E si sa che fallire l’obiettivo potrebbe avere conseguenze molto pesanti, fino ad arrivare al rischio che si sbricioli tutto, facendo così saltare i sogni di gloria coltivati grazie alla successione di Marina.

Dietro al terzetto di testa si fa avvincente la sfida per il quarto posto: all’Ippodromo de L’Oreal la spunta Ipsòn de Scipiòn che in 6,5” distanzia di una lunghezza il nordico Groom de Bootz (5,5” per lui). Accede al riparto dei preziosissimi sacchi di biada messi in palio dai circuiti di Bruxelles e Strasburgo, un po’ a sorpresa, anche Generàl Etomatopulòs che, partendo dall’estrema sinistra del tracciato, riesce a superare la soglia salvezza dei 4″ proprio al fotofinish. Chiudono il lotto dei partecipanti, in coda al gruppo, Frères Tricolòr (3,5”) e il duo Ipson de la Boccòn-Petit Jean. Questi ultimi, con due scuderie riescono a mettere insieme soltanto un deprimente 2,5”. Tanto che qualche scommettitore ha commentato caustico: Fermez le Boldrin!

Oltre la soglia, quindi, non solo l’ex delfino di Varenne (che sembra essere in buona forma), ma anche i padani, che hanno ripreso smalto elettorale sotto la nuova leadership. All’ultimo secondo si deciderà invece la corsa alla sinistra, mentre per gli altri sembrano esserci ben poche chance.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Elezioni europee

Tutto su Elezioni europee →