Il sogno di Michele Dotti per la società civile: unione politica e Don Ciotti premier

Oggi vogliamo segnalarvi il sogno di Michele Dotti, che già avevamo intervistato a seguito del suo documentario sui comuni virtuosi e sul suo progetto di reality responsabile. Michele vorrebbe vedere “Comuni Virtuosi, il Movimento per la Decrescita Felice, le Città della Transizione, i Comuni solidali, le Città del Bio, tutto il mondo del Commercio Equo e Solidale, della Finanza Etica, del Consumo Critico, tutti i Gruppi di Acquisto

Oggi vogliamo segnalarvi il sogno di Michele Dotti, che già avevamo intervistato a seguito del suo documentario sui comuni virtuosi e sul suo progetto di reality responsabile. Michele vorrebbe vedere "Comuni Virtuosi, il Movimento per la Decrescita Felice, le Città della Transizione, i Comuni solidali, le Città del Bio, tutto il mondo del Commercio Equo e Solidale, della Finanza Etica, del Consumo Critico, tutti i Gruppi di Acquisto Solidale, le Associazioni di Volontariato, le ONG, tutte le Liste Civiche e i Comitati spontanei, tutto il Movimento per l'acqua pubblica, gli ambientalisti, quanti si battono contro le mafie, per fondersi in uno straordinario progetto politico unitario per aprirsi ad ogni singolo cittadino onesto del nostro paese". Michele propone Don Ciotti come candidato premier. Vi riportiamo uno stralcio del suo sogno, che potete leggere per esteso qui:

"Ho sognato che un bel giorno, un giorno non lontano, stanchi di attendere e sperare in tempi migliori, i settori più attivi della società civile si riuniranno per organizzare tutti insieme il cambiamento politico nel nostro paese, creando un'alternativa credibile, seria, affidabile che tutti gli italiani potranno abbracciare al di là dei rispettivi percorsi politici di provenienza. Un nuovo soggetto politico, estraneo a tutte le vecchie logiche partitiche, né a destra né a sinistra, ma semplicemente "avanti"…

Un movimento fondato semplicemente sul "buonsenso"; quanto basta a capire che la raccolta differenziata è mille volte meglio degli inceneritori, che il risparmio energetico e le rinnovabili sono le vere alternative alla follia del nucleare, che le grandi opere servono solo ai grandi affari mentre sono le "piccole opere" quelle che migliorano davvero la vita della gente!

Un movimento che sa dire si quando è il momento di dire si e no quando è il momento di dire no, in modo chiaro e comprensibile a tutti: si all'integrazione, al rispetto delle diversità, al pluralismo, alla libertà d'informazione, alla pace. No al razzismo, all'esclusione, al monopolio dell'informazione, alla censura, alla guerra e ad ogni forma di violenza.

Sarà così, riflettendo tutti insieme sui contenuti, che i rappresentanti della società civile -raccolti intorno a un tavolo- si accorgeranno di avere fra di loro molti più punti in comune di quanti non ne abbia mai avuti al proprio interno nessun partito nella storia repubblicana. Si renderanno conto cioè di avere creato in tutti questi anni di impegno silenzioso, non soltanto un orizzonte di valori comuni, ma anche un vero "programma" di azioni da realizzare per risollevare il paese, un programma fondato su una visione della società che nessun partito -fino ad ora- ha mai realmente promosso."

Continua a leggere

I Video di Blogo