Satira: scampagnata elettorale

A margine del suo tour siciliano, Walter Veltroni era tornato a ironizzare su Cuffaro e i cannoli. L’ex governatore della Sicilia gli risponde per le rime: “Devo ancora una volta ricordare che non c’è stata alcuna festa a base di cannoli. Però, visto che Veltroni insiste – aggiunge zio Totò vasa-vasa – vorrei sommessamente ricordargli

di ulisse

A margine del suo tour siciliano, Walter Veltroni era tornato a ironizzare su Cuffaro e i cannoli. L’ex governatore della Sicilia gli risponde per le rime: “Devo ancora una volta ricordare che non c’è stata alcuna festa a base di cannoli. Però, visto che Veltroni insiste – aggiunge zio Totò vasa-vasa – vorrei sommessamente ricordargli che quel vassoio che ha fatto così scandalo è stato portato da una signora che oggi è chiamata dalla Finocchiaro nelle sue liste per una candidatura al parlamento regionale”. Non facciamo cassate

Gianfranco Fini taglia corto: “Dove governerà il centrodestra non si daranno autorizzazioni per quei tipi di spettacoli penosi”. La requisitoria contro i rave party non piace al socialista Gianni De Michelis, noto amante delle notti scatenate: “Ho fatto bene a lasciare il centrodestra in favore dell’unità dei socialisti; nel Pdl c’è un clima illiberale”. Anche Ignazio La Russa è perplesso: “Ok all’abolizione dei rave, ma non toccatemi Raoul Casadei”. Tarantellum

Il candidato premier del Ps Enrico Boselli sprizza veleno contro il Pd: “Veltroni ha sacrificato il Partito Socialista all’alleanza con Antonio Di Pietro, usando un comico ricatto. E magari lo ha fatto per pagare all’ex Pm un debito di riconoscenza, non so se giudiziario o meno”. Gregari e Greganti

Facciamo votare Sinistra Critica o Sinistra l’Arcobaleno”, cioé “i partiti che sono favorevoli all’abolizione dell’ergastolo e a una pena rieducativa”. E’ la singolare presa di posizione degli ergastolani del supercarcere di Spoleto, che danno indicazioni di voto ad amici e familiari in vista delle Politiche. Folgorati sulla via di Garlasco