Agguato a Secondigliano: ucciso Salvatore Barbato, ferito Luigi Russo

Napoli: due morti e un ferito grave nel giro di 24 ore. Dodici gli omicidi da luglio, quando è riesplosa la faida di Scampia.

di remar

Agguato ieri pomeriggio a Secondigliano dove un uomo è stato ucciso e un altro ferito in modo grave. A morire sotto i colpi di pistola dei killer Salvatore Barbato, 27 anni. Colpito dai proiettili, una decina quelli esplosi con una calibro 9×27, anche Luigi Russo, 42 anni, ora ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Cardarelli di Napoli.

Secondo una prima ricostruzione di quello che sembrerebbe un tentato duplice omicidio Barbato e Russo erano insieme fermi nei pressi di un’auto quando sono arrivati i sicari che a bordo di una moto hanno aperto il fuoco.

Indaga la Squadra Mobile di Napoli, secondo cui l’agguato potrebbe rientrare nella faida di Scampia tra i cosiddetti Girati di via Vanella Grassi e il clan da cui si sono staccati, cioè gli Scissionisti. Da luglio ad oggi sono dodici gli omicidi che gli inquirenti ritengono collegati alla nuova guerra per il controllo delle piazze di spaccio tra Scampia e Secondigliano.

E lunedì sera poco dopo le 11 c’era stato un altro omicidio. Vittima Mario Perrotta, 27 anni, ucciso a colpi di pistola in un garage in piazza Marianella, sempre nell’area a nord di Napoli, nella zona tra Chiaiano e Scampia. Questo delitto non è stato però messo in relazione con la faida da chi indaga.

Foto | ©TMNews

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →